Borse e t-shirt “taroccate”, sequestri e denunce a Napoli

Guardia di finanza
Guardia di finanza

Provenivano dall’Est europeo ed erano destinati agli extracomunitari che poi li vendevano illegalmente nelle vie dello shopping napoletane, i 6.100 capi di abbigliamento contraffatti sequestrati dalla Guardia di Finanza tra Napoli e provincia. Merce “taroccata” che avrebbe fruttato guadagni per circa 200mila euro. Cinque le persone denunciate: tre senegalesi e due italiani, uno residente e Napoli l’altro a Marcianise (Caserta). Il Nucleo di Polizia Economica Finanziaria, con gli specialisti del gruppo Tutela Mercato Beni e Servizi, ha individuato i grossisti a cui venivano spediti grossi quantitativi di cinture, t-shirt, borse e calzature, con i marchi contraffatti di note griffe di moda. La contraffazione, spiegano gli investigatori in una nota, e’ un fenomeno particolarmente florido in Campania, che arricchisce clan e organizzazioni criminali “etniche”: da gennaio i finanzieri hanno sequestrato 36 milioni di articoli, arrestato 4 persone e denunciate 544. Altre 186 sono state segnalate. (ANSA).