Cava de’ Tirreni. Lite in corsia, poi spari: arrestato padre medico aggredito

E’ stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore il padre del medico che ieri pomeriggio ha esploso due colpi d’arma da fuoco all’esterno dell’ospedale di Cava de’ Tirreni in seguito a una lite avvenuta in corsia.

L’uomo e’ ritenuto responsabile di porto abusivo di arma comune da sparo e lesioni personali aggravate. Denunciato, invece, per lesioni personali aggravate il figlio dell’uomo ferito, protagonista della seconda colluttazione nel corso della quale e’ stato ferito da un colpo di pistola anche il padre del medico che aveva fatto fuoco in precedenza. I militari, guidati dal colonnello Rosario Di Gangi, sono riusciti a ricostruire la dinamica di un pomeriggio di assoluta follia.

Dalle indagini e’ emerso che il padre del medico ha raggiunto l’ospedale di Cava de’ Tirreni in seguito a un’aggressione subita dal figlio a seguito della pretesa di un uomo di restare indebitamente in corsia ad assistere agli accertamenti cui era sottoposto un parente.

Giunto nel piazzale antistante il pronto soccorso, si e’ sviluppato un acceso confronto, nel corso del quale il padre del medico ha estratto una pistola revolver – regolarmente detenuta ma portata abusivamente – esplodendo due colpi che hanno raggiunto alle gambe il contendente.

Il figlio di quest’ultimo ha immediatamente rincorso l’uomo, riuscendo a raggiungerlo in una traversa attigua. Ne e’ nata un’altra colluttazione, nel corso della quale il padre del medico e’ stato raggiunto da un colpo esploso dalla sua stessa arma, riportando lesioni giudicate guaribili in sessanta giorni. Il denunciato, invece, ha riportato una prognosi di trenta giorni.

Le indagini dei carabinieri proseguono soprattutto per chiarire la dinamica del secondo ferimento. (ANSA).

(ANSA)