12000 pizze per battere il record mondiale, Torre Annunziata ci prova

Grazie all’accordo tra Confesercenti, Caritas e “Gruppo La Piccola Napoli” le pizze andranno in beneficenza. Severino promotore dell’iniziativa.

Servono 12000 pizze per battere il record mondiale che appartiene alla Svizzera e che l’associazione “Gruppo La Piccola Napoli”, capitanata dal presidente Paco Linus insieme al vicepresidente Enzo Fiore,  tenterà di riportare in Italia. A dare supporto anche il food blogger Giuseppe Imperatore che ha promosso l’iniziativa. Coinvolti oltre 40 pizzaioli di altrettante pizzerie, tra cui Valentino Libro, Salvatore Lionello, Francesco Martucci e Angelo Tramontano oltre una centinaia di collaboratori.

Numeri da capogiro per stabilire il nuovo primato in circa 14 ore: serviranno 30 quintali di farina, 600 quintali di fiordilatte, 100 cartoni di pomodoro, 6 forni, insomma un vero esercito di materie prime e persone per entrare nel Libro del Guinness sfornando 12000 pizze di cui 8000 andranno in beneficenza. E in questa iniziativa, grazie a un accordo con gli organizzatori, c’è anche la Confesercenti:  Aldo Severino, presidente di Angri e presidente vicario della Confesercenti provinciale di Salerno, saputo delle 12000 pizze che saranno preparate per battere il record, ha voluto fortemente che una buona parte di esse, fosse donata a chi ne ha bisogno o a chi vive momenti di difficoltà. E così si è adoperato, raggiungendo immediatamente l’accordo con il Coordinatore della Caritas della Regione Campania Carlo Mele insieme al direttore della Caritas della diocesi di Nola Raffaele Cerciello, lavorando alacremente per coinvolgere un territorio così vasto di parrocchie, centri di accoglienza e case famiglie, facendo in modo che un gran numero di questa prelibata pietanza verrà donata alle Caritas diocesane della Campania. Domenica quindi le pizze  saranno offerte tramite la Confesercenti alla Caritas e alle tante persone che vivono in difficoltà  e che vengono accolte quotidianamente nei numerosi centri della Campania.

“Mi corre l’obbligo – spiega Severino –  di ringraziare l’associazione GPN e tutti gli organizzatori e, incrociando le dita, speriamo nella buona sorte affinché questo record venga battuto, per affermare ancora una volta l’importanza dell’arte bianca, tema che sta molto a cuore anche alla mia associazione. Sono anni ormai che ci battiamo per la valorizzazione di una delle prelibatezze più conosciute al mondo, divenuta finalmente patrimonio dell’Umanità, con laboratori pratici e convegni per avvicinare i giovani ad un mestiere, ma la soddisfazione più grande è che siamo riusciti ad ottenere un importante risultato divenendo, grazie ad Asfel, l’unico ente accreditato in zona a svolgere il corso di pizzaiolo professionista riconosciuto dalla Regione Campania: una qualifica internazionale per valorizzare e specializzare  ancor di più la figura del pizzaiolo che è capace di trasformare il lavoro in una vera e propria passione, quella stessa passione che anima l’evento del guinness. Ad allietare la giornata sarà l’attrice e cantante Anna Capasso con la partecipazione speciale di Stefano De Martino ospite d’onore. Vi aspettiamo numerosi per questo grande evento: il mio sentimento – conclude Severino – è già chiaro, con l’impegno volto a regalare un po’ di sorriso a chi ne ha bisogno,  si è già ottenuto un risultato superlativo”.

Appuntamento al GUINNESS WORLD RECORDS – MOLO CROCELLE A TORRE ANNUNZIATA. DOMENICA 20 OTTOBRE 2019.