Scafati. Il campionato comincia da Bergamo

Archiviata la SuperCoppa 2019, è tempo di campionato per tutte le società di serie A2

Archiviata la SuperCoppa 2019, è tempo di campionato per tutte le società di serie A2. Il prossimo fine settimana, infatti, parte ufficialmente il secondo più importante campionato italiano di pallacanestro. A fare il suo esordio stagionale ci sarà anche la Givova Scafati, attesa da una insidiosa trasferta a Bergamo, contro la formazione allenata dall’ex trainer Marco Calvani, che, ancor prima dell’esperienza nella passata
stagione, era stato sulla panchina gialloblù già in ben altre due occasioni: stagioni 2007/2008 (in serie A) e 2009/2010 (in Legadue).

Con l’organico al completo e desideroso di avere un impatto positivo con il campionato, la truppa dell’Agro
dovrà fare i conti con la medesima società incontrata nella prima uscita ufficiale anche la scorsa stagione: il
7 ottobre del 2018, al PalaMangano, Bergamo, che si accingeva a disputare una stagione di vertice, espugnò il parquet di viale della Gloria per 58-60 con un canestro allo scadere. Stavolta la Givova Scafati proverà a “ricambiare il favore” a campi invertiti, visto che la palla a due è prevista alle ore 18:00 di domenica al PalaAgnelli. Dovrà però vedersela con un organico temibile, che annovera due ottimi extracomunitari come l’ala Carroll (21 punti di media in SuperCoppa) e la guardia Lautier Ogunleye (17,3 punti e 3,3 assist di media in SuperCoppa), intorno ai quali ci sono atleti italiani di buona caratura, come il centro Bozzetto, il playmaker Zugno, la guardia Marra, l’ala Dieng, il centro Allodi e i giovani Costi (ala) e Parravicini (playmaker).
Dichiarazione di coach Giulio Griccioli: «Come tutte le prime partite di campionato, il nostro esordio contro
Bergamo si presenta insidioso, sia per motivi mentali che tecnici. Arriviamo a questa partita con l’autostima che ci siamo costruiti nel corso della pre-season agonistica, durante la quale siamo cresciuti tanto, ma abbiamo ancora parecchio su cui lavorare. Vogliamo dare un impatto positivo al campionato e
pertanto andremo a Bergamo per vincere, perché abbiamo l’ambizione di conquistare sin da subito e di
conservare poi fino alla fine i piani alti della classifica. Stiamo lavorando sodo per avere un impatto tosto con la partita e con il campionato in generale».

Dichiarazione del general manager Gino Guastaferro: «La prima gara è insidiosa per antonomasia, perché le squadre non si conoscono bene, nonostante gli staff tecnici lavorino tanto sui video. E’ l’aspetto emotivo, infatti, a fare la differenza. Noi siamo pronti sia dal punto di vista tecnico che psicologico, siamo carichi e ci accingiamo ad affrontare la partita di Bergamo con grande determinazione. Questo sarà il
primo anno con questa formula che prevede anche la fase ad orologio, durante la quale affronteremo
formazioni dell’altro girone, elemento innovativo che non conosciamo, ma sappiamo bene che intendiamo avere un cammino stagionale deciso, soprattutto in casa, con l‘obiettivo di toglierci grandi soddisfazioni,consapevoli che dovremo imparare a gestire momenti euforici ed altri meno, se vogliamo navigare nei quartieri alti della classifica ed arrivare nella migliore condizione possibile ai play-off».