Sarno. CulturaIdentità per la rinascita ambientale

Un ricco parterre con Sylos Labini per presentare un progetto editoriale e valoriale oltre il qualunquismo militante sul tema Ambiente

Dal Fuoco la Rinascita. Emergenza Ambientale e Riscatto di una Valle. È intitolato così l’evento organizzato da
CulturaIdentità che si terrà il 16 Novembre 2019 a Sarno, presso l’aula Consiliare del Comune alla presenza di
illustri ospiti nazionali. Saranno presenti: Edoardo Sylos Labini, Presidente di CulturaIdentità; Paolo Guidone,
Responsabile provinciale CulturaIdentità di Salerno; Lina Piccolo, Vice Presidente Confindustria Salerno; Anna Zollo,
Vice Presidente Nazionale Fare Ambiente; Salvo Iavarone, Presidente ASMEF; Umberto Binetti, Antropologo;
Alberto Voccia, Associazione Nazionale Forestali, Sez. Napoli; i saluti istituzionali saranno tenuti da: Giuseppe
Canfora, Sindaco di Sarno; Roberto Robustelli, Assessore all’Ambiente; Don Roberto Farruggio, Parroco di Sarno;
Raffaele Menna, Funzione Strumentale P.C.T.O. Istituto I.S. ‘Enrico Fermi’; Alessandro Turchi, Preside Istituto
Agrario ProfAgri. Alla luce degli ultimi eventi, tragici e paradossali per un territorio che ha vissuto fortemente il
dissesto idrogeologico, che ha visto l’incendio del monte che sovrasta la città per la quasi totalità della superficie si è
indetti un tavolo di conferenza per tracciare la strada ad un maggior rispetto del territorio che significa rispetto di se
stessi! Gli interventi poliedrici, tenuti da ospiti di notevole spessore, discuteranno della tematica ambientalista sotto vari
aspetti: da quello tecnico a quello legislativo, da un profilo squisitamente antropologico sociale ad un profilo di slancio
imprenditoriale cercando di fornire una sintesi quanto più completa nella sua complessità della tematica ma soprattutto
della superficialità e del qualunquismo con cui spesso viene affrontato dalle nuove generazioni. Specchio questo di un
qualunquismo che serpeggia, purtroppo, come malcostume dilagante che assurge a modus comune ‘santificato’ dai
Social che tanto di buono hanno fatto abbattendo barriere Sociali e di Spazio ma che hanno anche dato voce a rabbia da
Tastiera e ad un essere approssimativi e poveri di contenuti… L’Ambientalismo come specchio della nuova Società con
le sue contraddizioni profonde, estremamente tecnologica, veloce, performante ma poi anche tanto Qualunquista e
Superficiale!
Si riuscirà a raggiungere un equilibrio e una dimensione con al centro l’Uomo, dotato di profonda sensibilità e acume
eclettico, non più dominatore sterile ma Custode sensibile di questa Terra?