Scafati. Avvisi di garanzia per Cucurachi e Russo

L'ipotesi di reato è il falso in atto pubblico

Scafati comune
Scafati comune

Incompatibilità e false autocertificazioni, scattano gli avvisi di garanzia per Marco Cucurachi e Michele Russo. A scrivere il loro nome sul registro degli indagati il pm Roberto Lenza, della Procura della Repubblica di Nocera Inferiore. Per entrambi l’ipotesi di reato è il falso in atto pubblico, per aver dichiarato, in sede di proclamazione a consiglieri comunali, di non avere cause ostative alla loro nomina istituzionale, tra cui debiti tributari certi verso l’ente, oppure liti pendenti. Marco Cucurachi si è dimesso lo scorso 21 ottobre, a suo carico la Geset ha certificato una posizione debitoria relativamente alla tassa sui rifiuti pari ad euro 27.958,82, di cui 17.471,82 oggetto di ingiunzione e 10.487,00 per i quali è stato notificato solo avviso di accertamento. Un contenzioso del 2011 per un risarcimento danni da infortunio stradale, è invece ciò che avrebbe omesso di certificare Michele Russo.