Scafati. Ex Equitalia bocciata: “rischio danno erariale da oltre 2 milioni di euro”

La Presidente della commissione Bilancio Nunzia Di Lallo: "Senza l'Agenzia delle Entrate non riusciremo a evitare la prescrizione dei ruoli. Scelta irresponsabile". L'opposizione attacca.

“E’ bene chiarire un concetto: chi ha votato contro quella delibera, ha fatto un danno a questa città”. Non usa mezze misure Nunzia Di Lallo, presidente della commissione Bilancio, che sull’affidamento della riscossione coattiva dei tributi all’Agenzia delle Entrate Riscossione ha profuso impegno e approfondimento in uno con l’assessore Maria Pisani. Una proposta bocciata però in Consiglio Comunale grazie ai quattro consiglieri di maggioranza che hanno votato contro, assieme ai colleghi dell’opposizione. Il fallimento dell’operazione Ex Equitalia rischia di costare alle casse comunali oltre 2,2 milioni di euro di ruoli in prescrizione nel 2020 e ben 5,35 milioni nel 2021. La Di Lallo condivide la posizione del sindaco Cristoforo Salvati, ipotizzando il danno erariale, passibile di condanna da parte della Corte dei Conti. “Grazie al voto irresponsabile di chi non ha voluto che la delibera passasse, saremo costretti a trovare a stretto giro un’alternativa che non garantirà sicuramente gli stessi benefici, né per i contribuenti né per le casse del nostro Ente, rischiando di perdere tutti gli incassi che avevamo previsto di introitare qualora non riuscissimo a farlo entro i termini di scadenza dei termini previsti per la riscossione dei crediti” spiega la consigliera di Fdi. “Qualcuno ha parlato di internalizzazione dei tributi – continua la Di Lallo – ma è solo strumentalizzazione, perché di fatto i tributi sono già gestiti dal Comune di Scafati, come disposto dalla commissione straordinaria e come noi stessi vogliamo che sia. Il punto è la riscossione coattiva, impossibile da organizzare in pochi mesi con il personale a disposizione, fino a pochi mesi fa impegnato in altri uffici”. L’opposizione però respinge ogni accusa. “E’ compito del Sindaco e della sua maggioranza proporre una soluzione condivisa” così Alfonso Carotenuto, di Scafati Moderata. “Se non ci riesce è una sua sconfitta e di questo deve dar conto politicamente alla Città ed eventualmente agli organi contabili se questa deficienza arreca un danno erariale alle casse del Comune. Ma di questo il nostro Sindaco è ben conscio”.

Adriano Falanga