Angri. Tardano i lavori di adeguamento e miglioramento di Palazzo Doria

Un ritardo che sarebbe sostanzialmente legato all’ingarbugliata vicenda relativa all’affidamento dei lavori. Dubbi sono stati posti sulla validità degli atti che sinora sono stati redatti

Angri Castello Doria dall'alto _ Foto Inspired Stidio
Angri Castello Doria dall'alto _ Foto Inspired Stidio

Odissea per i lavori di adeguamento e miglioramento di Palazzo Doria. L’antico Palazzo della città è ormai da quasi un anno è inaccessibile per il mancato inizio dei lavori previsti. Le opere di ristrutturazione sarebbero dovute cominciare già lo scorso gennaio, ma la contesa tra la società ricorrente e il Comune ha fermato l’inizio dei lavori paralizzando il cantiere finito successivamente nel mirino dei vandali che hanno devastato diverse parti del castello asportando anche importanti documenti e libri storici.

Il ritardo.
Un ritardo che sarebbe sostanzialmente legato all’ingarbugliata vicenda relativa all’affidamento dei lavori. Dubbi sono stati posti sulla validità degli atti che sinora sono stati redatti dagli uffici preposti in seguito al bando di gara pubblicato negli anni passati. L’ente ora è pronto a ricorrere all’avvocato esterno. Una delle ditte partecipanti ha impugnato l’aggiudicazione definitiva della gara andata in favore della “Iozzino Costruzioni srl” scrive “La Città”.

Lotta a suon di carte bollate.
Una prima sentenza del tribunale amministrativo della Campania si è pronunciata a favore dell’Ente, senza individuare alcuna irregolarità nelle procedure di assegnazione. Una delle ditte escluse ha presentato ricorso al Consiglio di Stato obbligando in tal modo il Comune di Angri a nominare un professionista, Andrea Di Lieto, per la costituzione e rappresentanza legale dell’Ente in giudizio. La nomina inciderà sul bilancio comunale nella misura di quasi 7mila euro, da riconoscere all’avvocato che dovrà tutelare l’Ente in una disputa legale che necessita di approfondite conoscenze specifiche.