Giovani Energie Meridionali. Una proposta di legge ad inziativa popolare

I giovani dell’associazione GEM, accompagnati dal Professore Sergio Perongini che ha seguito l’intero iter della proposta di legge, hanno depositato la stessa presso la Suprema Corte di Cassazione

Giovani Energie Meridionali
Giovani Energie Meridionali

La prima azione dell’associazione Giovani Energie Meridionali è il deposito della proposta di legge ad iniziativa popolare: “Piano straordinario per la formazione e l’occupazione di 100.000 giovani”.

Una proposta di legge.
I giovani dell’associazione GEM, accompagnati dal Professore Sergio Perongini che ha seguito l’intero iter della proposta di legge, hanno depositato la stessa presso la Suprema Corte di Cassazione. Seguiranno 6 mesi importanti per la raccolta di 50.000 firme. I ragazzi, di matrice universitaria, firmatari della proposta di legge sono: Donato Giancarlo Cirillo, Virginia Galasso, Giovanni Gaeta, Raffaele Vitolo, Daniele Benincasa, Valentina Autuori, Giulia Cerone, Anna Chiara Farina, Giandomenico Cefalo, Dario Noschese, Manuel Lanza e Antonio Angelino.

Riordino e modernizzazione della pubblica amministrazione.
L’art. 1 della nostra Costituzione dice che “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”, e in un’epoca in cui le nuove generazioni sono costrette ad abbandonare i nostri territori per necessità, questo piano straordinario per il lavoro è di fondamentale importanza per arginare il fenomeno dell’emigrazione giovanile e per riordinare e modernizzare la pubblica amministrazione. Le competenze e le abilità dei giovani non devono e non possono trovare asilo in contesti estranei alle loro esigenze.