Scafati. Movida di Capodanno, al via il piano sicurezza

Dopo le risse di Natale, il sindaco Salvati vara il piano sicurezza. Task Force congiunta tra carabinieri e vigili urbani. L'appello dei commercianti.

Movida violenta, l’amministrazione comunale guidata da Cristoforo Salvati raccoglie l’appello dei commercianti e prepara un apposito piano sicurezza. Dopo le risse che hanno interessato la movida natalizia nei pressi di noti bar scafatesi, l’associazione commercianti “Scafati Cresce” getta acqua sul fuoco delle polemiche e rivolge alle Istituzioni un appello affinché la vigilia di capodanno l’amministrazione comunale appronti un piano sicurezza che possa prevenire episodi di violenza tra adolescenti, il più delle volte alimentati dall’abuso sconsiderato di alcolici. “Come associazione dei commercianti siamo vicini agli esercenti che, in queste ore, sono vittime di uno sciacallaggio mediatico senza precedenti. La verità è che a Scafati non è stato attuato un piano sicurezza per fare fronte alla Vigilia di Natale. Mi auguro che si possa fare tesoro di quanto accaduto in vista dell’imminente Capodanno”. Così Vincenzo D’Aragona, presidente del gruppo di commercianti “Scafati Cresce”, smorzando le polemiche eai festeggiamenti nella giornata del 24 dicembre. Diverse risse sono scoppiate, per futili motivi e tra i fumi dell’alcol, da gruppi di ragazzi nei pressi di attività situate sul corso Nazionale e al centro Plaza. Il peggio è stato evitato grazie alla presenza, in entrambi i locali, della security privata ingaggiata dagli esercenti. Sono stati i carabinieri guidati dal tenente Gennaro Vitolo a monitorare i punti critici. Restano però quelle foto che hanno presto fatto il giro del web. “Filmati certamente poco edificanti sui brindisi in corso Nazionale, ma di qui a parlare di risse mi pare esagerato – sottolinea D’Aragona – Gli animi sono stati sedati subito. Altra questione che mi sta a cuore è quella legata ai commercianti. Chi ha venduto alcolici ha rispettato la legge. Chi in queste ore sta facendo sciacallaggio mediatico sta soltanto infangando l’operato di chi, tra mille sacrifici, ha deciso di investire a Scafati”. Infine, l’appello alla politica: “Per Capodanno si appronti un piano sicurezza come fatto a Salerno o a Nocera Inferiore. Si mettano in condizione gli agenti di polizia municipale di intervenire. Se necessario si impieghino, in via straordinaria, anche le guardie ambientali con cui è in atto una convenzione. Prevenire è sempre meglio che curare”. Appello recepito dal primo cittadino che già ieri mattina ha convocato nel suo studio al secondo piano di Palazzo Mayer il tenente Vitolo e il comandante della Polizia Municipale, tenente colonello Giovanni Forgione. “Ho riunito stamani un tavolo tecnico urgente con il tenente Vitolo e il comandante Forgione per scongiurare gli episodi di violenza già accaduti e per far vivere le legittime giornate di festa ai nostri cittadini che intendono vivere la nostra Città in termini di sicurezza e ordine pubblico – spiega Salvati -Abbiamo predisposto una task force tra carabinieri e Polizia  Municipale. Nel dettaglio avremo sedici agenti sul territorio che pattuglieranno a piedi il territorio per tutta la giornata, per evitare episodi di intemperanze e di violenza”. Sedici agenti equamente divisi tra caschi bianchi e militari. “Faccio un appello soprattutto ai nostri giovani, giusto brindare con gli amici, ma bisogna farlo sempre nella consapevolezza dei propri limiti ed evitando pericolosi abusi che possono comportare danni alla salute e problemi di ordine pubblico – continua il primo cittadino – meglio affidarsi al buon senso civico che a ordinanze restrittive che possono creare disagi economici alle attività commerciali”.

Adriano Falanga