Nocera Inferiore. Il centro destra si ricompatta

"Adesso è arrivato il momento di definire il perimetro politico del centro-destra, che a Nocera Inferiore, si pone solo all'opposizione della maggioranza Torquato"

Nocera Inferiore Comune
Nocera Inferiore Comune

“Il centro-destra di Nocera Inferiore unitamente ai gruppi cittadini civici e moderati di opposizione
ritrovano nella recente sintesi raggiunta per la designazione della Presidenza della commissione
Controllo e Garanzia un rinnovato senso di unità, ringraziando le altre forze politiche di opposizione per
l’adesione al metodo di designazione”. Così in una nota i coordinatori di
Forza Italia, Lega Salvini Premier, Udc e Fratelli di Italia e i Gruppi Civici di Centro-Destra.

“Adesso è arrivato il momento di definire il perimetro politico del centro-destra, che a Nocera Inferiore, si pone solo all’opposizione della maggioranza Torquato: chiunque in questi anni e più intensamente negli
ultimi tempi ha cercato di mantenere una posizione ambigua, ponendosi a cavallo tra il sostenere la maggioranza di centrosinistra di Torquato e strizzare l’occhio alle forze politiche di centro-destra, non troverà più terreno fertile – prosegue la nota-. L’attuale tempesta politica locale provocata, volutamente, da Torquato, forse per tenere aperta la porta del trasformismo ed opportunismo politico, che ha contraddistinto da sempre il suo agire politico, sarà letale e cambierà in profondità il quadro di riferimento e quindi è bene fare il punto della situazione.
La sordità politica del sindaco Torquato, che sacrifica la sintesi politica favorendo i “tecnici” che tirano dritti, sbattendosene dell’interlocuzione politica, può solo nascondere la folle idea del primo cittadino di un ribaltone
politico, ma queste alchimie di palazzo per salvare solo la propria “sedia” non interessano al centro-destra.
Oggi è il momento per i tanti, che credono nelle idee del centro-destra di segnare il passo con una posizione
definitiva e non attendista, lasciando alle spalle Torquato ed un’esperienza che non ha portato alcun giovamento alla Città, se non attendismo politico e confusione, che non hanno di sicuro favorito nemmeno una corretta interlocuzione con la Regione Campania”.