Pagani. Bottone e Terracina: “Siete stati “capaci” di dis-fare in pochi mesi”

“Notiamo che dopo diversi giorni di apnea, probabilmente dovuta alla raffica di illegittimità che le sono state contestate dalla Segreteria Generale, a chi dis-amministra la nostra città è ritornato il fiato”. I consiglieri Salvatore Bottone e Assunta Terracina replicano alla nota del sindaco Sessa.

“Purtroppo, come sempre d’altronde, non si smentiscono mai mantenendo fede al loro modo di agire, ovvero accampare scuse su tutto e raccontare bugie su bugi – proseguono- Infatti facciamo notare, ancora una volta, che i nostri bilanci hanno sempre avuto i crismi di legittimità e correttezza normativa, tant’è vero che nel corso dei nostri 5 anni di Amministrazione non si è mai verificato un parere sfavorevole da parte dei Revisori dei Conti, in quanto i vari responsabili del settore finanziario hanno sempre lavorato in modo corretto e trasparente rappresentando lo specchio del nostro modo di Amministrare. La colpa di questi veri e propri disastri amministrativi, in soli 7 mesi di amministrazione è da attribuire unicamente a coloro i quali dis-amministrano Pagani, in quanto a tutt’oggi non sono riusciti ancora ad approvare un rendiconto 2018 già pronto.
Il bilancio di previsione 2019 da noi votato a Giugno 2019 aveva tutti i pareri di regolarità tecnica e contabile dei responsabili di settore oltre al parere favorevole dei Revisori dei Conti, quindi altro che falso, pensassero ai loro di bilanci e di atti prodotti, vista l’inettitudine e la mancanza delle più elementari conoscenze delle norme della pubblica amministrazione, che le viene attribuita da un rappresentante delle Istituzioni, qual’è il Segretario Generale di un ente. Pertanto – concludono- la smettessero di tentare di nascondere la loro,ormai acclarata incapacità amministrativa, gestionale e politica, addossando la colpa del loro mal-governo al passato, poiché in questi mesi hanno prodotto solo disastri amministrativi, fino al punto di mettere seriamente a rischio i servizi sociali e non solo nella nostra città, in quanto non sono stati capaci di monitorare nemmeno le entrate dell’ente. La città ormai ha capito chi siete in realtà e cosa siete stati “capaci” di dis-fare in pochi mesi”.