Pagani. La replica di Campitiello a Bonaduce

Arriva la replica del consigliere comunale di Forza Italia Nicola Campitiello al duro comunicato di Emilio Bonaduce.

“Da che pulpito viene la predica?
Prima di entrare nel merito della questione, invito il Sig. Bonaduce Emilio a recarsi da chi di competenza ed a denunciare comportamenti che lui definisce “delinquenziali”, perpetrati da me e/o da qualche elemento a me legato, e non di dare solo inchiostro alla penna ed aria alla bocca così come e’ abituato a fare da tempo – dichiara il forzista-. In merito a quanto dichiarato stamane in un comunicato dal Sig Bonaduce, voglio ricordare che fino ad oggi, la persona oggetto di reati amministrativi certificati e sentenziati dai vari tribunali porta il nome del Sig Bonaduce Emilio e non certo il mio o di elementi della mia famiglia da lui volgarmente chiamati in causa,e pertanto prima di sputare parole offensive nei confronti di persone perbene che
hanno come stile di vita ,LEGALITÀ e TRASPARENZA, invito il Sig Bonaduce a fare un esame di coscienza molto accurato.

Voglio ovviamente ringraziare tutti gli assessori che ieri hanno approvato delibere importanti tra cui in consuntivo, la questione forno crematorio, la modifica dell art.20 del regolamento comunale. Ecco proprio questa delibera e’ stata il pomo della discordia. Bisogna chiarire che il regolamento comunale non permetteva a dirigenti Part Time di occupare posizioni di “responsabile” di settore.
Orbene, considerato che il comune e’ in sotto-organico e che fino ad oggi abbiamo fatto molta fatica a far camminare la macchina comunale(basti pensare alle pratiche suap ferme, all assenza del dirigente finanziario ectect) sotto legislazione della segretaria comunale e con l avallo del Prof. Marenghi abbiamo proposto in giunta la modifica dell art 20 del regolamento comunale, cosa legittima ma che sconfessava l’azione posta in essere dall’ ass. Cafisi coadiuvata dal Sig Bonaduce in questi mesi, in modo da rendere più scorrevole la macchina comunale. Mi preme sottolineare che tale delibera era stata più volte discussa in varie riunioni tra assessori e dirigenti comunale e che di comune accordo era stata messa in piedi. Quando una macchina NON funziona, va aggiustata.
Almeno questo il nostro modo di fare.
E pur di aggiustare una macchina che mal cammina, mettiamo sempre da parte le rivalità personali,se presenti e pensiamo, visto che siamo al servizio della citta, a trovare una soluzione per migliorare la qualità di vita dei nostri concittadini. Probabilmente questo non è il modo di fare dell ass. Cafisi e del sig. Bonaduce che hanno dimostrato di mettere al primo posto le antipatie personali – prosegue -. Le guerre intestine che bloccano la macchina comunale a scapito dei nostri concittadini non ci appartengono e non le asseconderemo MAI.
In merito alla supposta “azione elettorale” di cui parla il soggetto firmatario del comunicato, essendo una persona rispettosa e corretta, invito il sig Bonaduce e l ass. Cafisi a fare un ulteriore esame di coscienza.
Non siamo abituati a fare campagna elettorale in questo modo. Probabilmente questo è il modo che appartiene a chi ad esempio ha concertato la manifestazione d interesse dei tirocini all’ ASPA o questione Tarsu,che ha portato alle dimissione del CDA e dei revisori dei conti,forse rientrate, di cui noi della maggioranza abbiamo chiesto l immediata sospensione e REVOCA.
Detto cio’ e chiarito la questione tecnica, mi aspetto le dimissioni ad horas dell ass. Cafisi, che andando via dalla giunta ha dimostrato poco senso di responsabilità ed invito i rappresentanti delle altre parti politiche a prendere una posizione in merito a questo comunicato irrispettoso, offensivo e volgare che offende non solo me e la mia famiglia ma tutti i componenti di questa amministrazione.
Trasmettero’ ovviamente gli atti ai miei legali per valutare gli estremi di una querela per diffamazione, danno d’immagine”.