Storie ordinarie di truffe online: come fare per difendersi?

Internet può concederci un mare di opportunità, dal lavoro agli acquisti online, ma è anche un potenziale campo minato, viste le tante trappole che nasconde ad ogni suo angolo

Truffe online
Truffe online

Storie ordinarie di truffe online: come fare per difendersi?

Internet può concederci un mare di opportunità, dal lavoro agli acquisti online, ma è anche un potenziale campo minato, viste le tante trappole che nasconde ad ogni suo angolo. Sebbene rispetto al passato i crimini telematici siano scesi di molto, questo non deve distrarci, né farci credere di essere sempre al sicuro. Il motivo? Ogni giorno, sulle pagine dei giornali, emergono nuovi casi di raggiri online, alle volte con bottini da centinaia di migliaia di euro. Ecco perché oggi scopriremo come difendersi da questi rischi, visto che al giorno d’oggi le truffe sono anche telematiche.

I numeri e gli esempi di truffe telematiche

La polizia postale ha pubblicato alcuni numeri molto interessanti, in relazione ai casi di truffe online verificatisi nel 2019. Secondo il report, lo scorso anno sono aumentati del +30% gli allarmi relativi alle possibili violazioni telematiche, superando un totale di 82mila unità. In secondo luogo, la somma di attacchi concreti gestiti dalle autorità è arrivato oltre una quota di 1.180 casi. Quali sono stati i bersagli di questi tentativi di truffa? Si parla soprattutto dei siti web appartenenti alle istituzioni e alle aziende, oltre agli account bancari ovviamente. Altri casi diffusi hanno riguardato gli e-commerce, le piattaforme finanziarie e quelle impegnate nel trading. E alle volte questi tentativi sono stati sventati addirittura dagli impiegati, come accaduto ad un’azienda di Foligno. Per quanto concerne i canali, il più diffuso è senza ombra di dubbio il phishing via email, insieme all’invoice spam, e ovviamente alla vendita dei biglietti falsi online. Infine, ecco altri casi come le estorsioni digitali e il falso crowdfunding, altrettanto pericolosi. Preso atto della grande quantità di pericoli in rete, ora arriva il momento di capire come difendersi.

Come difendersi dalle truffe online: sistemi utili

Si comincia subito con uno dei consigli più importanti: verificare la reale esistenza della società o del venditore, applicabile ad esempio a chi fa acquisti presso gli e-commerce. In questo caso è opportuno farlo attraverso servizi come ad esempio iCRIBIS, che consentono ad esempio il controllo della partita IVA e delle informazioni aziendali. Secondo suggerimento prezioso: mai effettuare degli ordini presso siti web che non posseggono il certificato SSL, dunque privi della dicitura HTTPS nell’URL, per via del rischio di furto di dati sensibili. Quali sono le altre accortezze da tenere a mente? Mai cliccare sui link contenuti nelle email provenienti da indirizzi sconosciuti, per via del rischio di cadere vittime del phishing, o per eventuali infezioni da virus. A proposito di virus, è consigliabile aggiornare sempre il browser e l’anti-virus alle ultime versioni disponibili, per evitare problemi in sede di navigazione. Poi è buona abitudine leggere i commenti degli utenti relativi agli shop online, prima di comprare, e procedere al pagamento utilizzando portafogli elettronici come PayPal, al posto della carta di credito.