Scafati. Emergenza Coronavirus, una donna in quarantena precauzionale. Scuole chiuse fine a sabato

La donna sta bene, disposta la chiusura delle scuole e divieto di eventi pubblici, fno a sabato 29 febbraio

Coronavirus
Coronavirus

Lavora nello studio dell’otorino di Poggiomarino, già in quarantena volontaria con la sua famiglia, la donna di Scafati finita anch’essa in quarantena questa mattina. Alla donna è stato fatto anche un tampone per il riscontro.

Venerdi 21 una donna di Lauro, proveniente dal lodigiano, zona rossa, si è sottoposta ad una visita dal medico di Poggiomarino, già prenotata da tempo. Quando il medico ha saputo della provenienza della paziente ha avvisato le autorità, decidendo di sottoporsi al tampone e mettersi in quarantena con la sua famiglia. La paziente ha lasciato Codogno prima che fosse in vigore il divieto, e non è sintomatica. E’ comunque attualmente sottoposta a quarantena precazionale di due settimane, tanto quanto il periodo di incubazione del virus.

La donna di Scafati lavora nello studio medico, ragion per cui è stata raggiunta dalla misura di quarantena preventiva. Il sindaco Cristoforo Salvati ha emanato ordinanza con la quale dispone la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado fino a sabato e il divieto di tenere eventi pubblici sul territorio cittadino. Rinviato a data da destinarsi il Consiglio Comunale del 27 febbraio. Niente mercato settimale.

Di seguito la nota del sindaco Cristoforo Salvati

“EMERGENZA CORONAVIRUS. A scopo puramente precauzionale, questa mattina, ho predisposto e firmato un’ordinanza che impone a tutti i cittadini di Scafati che siano transitati o abbiano sostato nei comuni di cui all’allegato 1 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (Bertoni, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione d’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini in Regione Lombardia e Vo’, in Regione Veneto) o che siano entrati a qualunque titolo in contatto, a far data del giorno 1 febbraio 2020, con individui residenti nei suddetti comuni, di informare il Dipartimento di prevenzione della Asl Salerno, il sindaco ed il comando di polizia locale della città di Scafati. Nella stessa ordinanza ho disposto la chiusura delle scuole cittadine fino a sabato 29 febbraio ed il divieto di ogni manifestazione pubblica, escluse quelle religiose (catechismo, incontri di gruppo, celebrazioni eucaristiche, manifestazioni varie organizzate dalle parrocchie) fino allo stesso giorno. Invito tutti i cittadini alla collaborazione, che risulta fondamentale in questa fase per arginare ogni rischio di diffusione del virus”

Salvati conferma la quarantena sorvegliata per la donna scafatese: “Sta bene, solo precauzione”

EMERGENZA CORONAVIRUS. “Una donna di Scafati, insieme a tutta la sua famiglia, è stata sottoposta a misura di sorveglianza sanitaria, come previsto dai protocolli in vigore. La persona in questione, nei giorni scorsi, ha avuto contatti con uno dei due professori di Lauro rientrati da Codogno (centro focolaio del Coronavirus) e messi in quarantena. Non c’è alcun motivo di allarmarsi. Nessun componente della famiglia scafatese presenta sintomi da contagio da coronavirus. Stanno tutti bene, ma in via precauzionale saranno sottoposti ad un periodo di isolamento, come da protocollo. Il medico curante della donna ha informato l’ASL Salerno con cui sono in constante contatto e che sta seguendo il caso, monitorandone costantemente gli sviluppi. Abbiamo voluto dare la notizia per evitare fraintendimenti anche perché la situazione, ripeto, al momento è assolutamente tranquilla. Intanto, con una nuova ordinanza, ad integrazione della prima, anche in seguito a nuovi contatti con l’Asl, ho disposto il divieto di svolgimento sul territorio  di manifestazioni pubbliche religiose, con riferimento ad incontri di catechismo, incontri di gruppo e manifestazioni pubbliche organizzate dalle parrocchie fino a sabato 29 febbraio. Continuerò a monitorare lo sviluppo degli eventi, tenendomi in costante contatto con le autorità preposte, per fornire alla cittadinanza tutte le informazioni necessarie su eventuali ed ulteriori misure che dovessero essere adottate”

 

Adriano Falanga