Campania. Coronavirus. Domani scuole aperte e meno inquinamento

Coronavirus. Nessuna ulteriore chiusura preventiva delle scuole nell’agro. A meno di clamorose quanto repentine decisioni della Regione Campania

Coronavirus Scuola inquinamento Agro
Coronavirus Scuola inquinamento Agro

Coronavirus. Nessuna ulteriore chiusura preventiva delle scuole nell’agro. A meno di clamorose quanto repentine decisioni della Regione Campania. Domani la campanella suona nuovamente per gli studenti e docenti di tutta la regione.

Una settimana di ferie preventive.
Si torna tra i banchi dopo una settimana di ferie preventive che hanno permesso ai sindaci e agli operatori sanitari di procedere alle dovute operazione di disinfettazione dei plessi scolastici di ogni ordine e grado presenti sul territorio. Da domani il COVID – 19 sarà esorcizzato dal ritorno a scuola degli studenti pronti a fare nuovamente “comunità”.

La graduale ripresa della normalità.
Con il ritorno tra i banchi degli studenti campani si riprendono anche abitudini routinarie che permetteranno anche agli esercizi commerciali di riprendere fiato dopo il fermo totale dell’“orrenda settimana del virus”. Bar ed esercizi commerciali che servono l’indotto della scuola potranno così ripartire seppure con qualche evidente affanno.

Meno inquinamento atmosferico.
Unico positivo riscontro della chiusura preventiva e prolungata delle scuole nell’agro è l’abbassamento sensibile dell’inquinamento atmosferico. Il virus avrebbe influito sul clima, facendo diminuire drasticamente le emissioni di CO2 derivante dai trasporti e dai consumi. Sembra chiaro che il COVID – 19 ha battuto le emissioni di CO2. Le emissioni di polveri sottili sarebbero in forte calo con la drastica diminuzione della circolazione dei veicoli lungo la chilometrica rete stradale dell’agro.
L.V.