Coronavirus. Confini cittadini, barricate contro l’avanzata di COVID-19

Nuove frontiere per abbattere il COVID -19. Sono rappresentati da new jersey e transenne e in qualche caso anche da massi mesi lungo strade di collegamento tra popolosi paesi dell’agro e del vesuviano

Coronavirus Confini
Coronavirus Confini

Confini cittadini.

Le nuove frontiere per abbattere il COVID -19. Sono rappresentati da new jersey e transenne e in qualche caso anche da massi mesi lungo strade di collegamento tra popolosi paesi dell’agro e del vesuviano. Così molti primi cittadini dell’agglomerato agro vesuviano intendono difendersi dal coronavirus che, anche senza gambe, fa la sua subdola avanzata veicolato dai movimenti dagli esseri umani. Così molti primi cittadini procedono a un autonomo auto – isolamento per ordinanza.

Limiti stringenti alla mobilità locale.

Limiti ancora più stringenti alla mobilità locale oramai ridotta a meno di una percentuale a una sola cifra, tanto da preoccupare seriamente anche benzinai e petrolieri ormai senza più alta domanda. Sant’Antonio Abate e Nocera Inferiore hanno posto seri limiti all’accesso all’interno dei loro confini cittadini, così pure come Sant’Egidio del Monte Albino.

È una settimana cruciale per la diffusione del COVID -19, se viene arginato con forza e intelligenza i tempi di quarantena potrebbero ridursi sensibilmente, resta necessario, comunque, il “distanziamento sociale” è unica e fondamentale azione per fare decrescere la “curva gaussiana” che sembra timidamente manifestare già qualche flessione. È ancora troppo presto per avanzare delle previsioni. È innegabile che le misure preventive serviranno ancora per molte settimane, forse anche per molti mesi.
Luciano Verdoliva