Coronavirus: Longobardi, ospedale Scafati centrale anche dopo

Coronavirus. Ospedale Scafati centrale anche dopo passata la crisi deve tornare ad essere polo in cui investire

Scafati Ospedale Mauro Scarlato
Scafati Ospedale Mauro Scarlato

Coronavirus: Longobardi, ospedale Scafati centrale anche dopo.

Ospedale Scafati centrale anche dopo passata la crisi deve tornare ad essere polo in cui investire. Il consigliere regionale Alfonso Longobardi, vicepresidente della commissione Bilancio, commentando le nuove decisioni assunte sull’ospedale di Scafati, designato quale polo sanitario per fronteggiare l’emergenza coronavirus, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Quanto sta avvenendo in questi giorni, con la scelta di destinare l’ospedale di Scafati a polo sanitario per assistere i pazienti affetti dal coronavirus, e’ molto importante e rappresenta una grande novita’ per i cittadini ed il territorio. Questo deve rappresentare l’occasione per far rientrare il nosocomio, anche dopo il superamento della crisi, nella rete delle strutture di riferimento strategico per l’assistenza su tutta l’area limitrofa, oltre naturalmente che per la citta’ di Scafati. La struttura ospedaliera, infatti, deve tornare ad essere un polo importante per cittadini e pazienti, sopratutto per il primo intervento, le emergenze, l’alta specialita’. Scafati e’ una citta’ fondamentale per tutto il salernitano e come Movimento Sviluppo e Territorio chiederemo che sia stabilmente inserito nella programmazione sanitaria ospedaliera della Campania”.

Rinascimento della sanità nell’agro.

“Oggi lo puo’ fare – sottolinea – contribuendo ad affrontare la crisi legata al virus Covid-19, come dimostra la scelta di potenziare il reparto di pneumologia guidato dal professor Polverino, domani dovra’ farlo per ospitare altri reparti di eccellenza ben definiti e necessari ai cittadini. Come avvenuto con il nosocomio di Gragnano, dove negli ultimi anni con i vertici della Regione Campania abbiamo definito una programmazione seria e strutturale, che ha determinato la nascita ed il potenziamento di reparti specifici, anche a Scafati occorrera’ individuare reparti e strutture assistenziali di eccellenza, a partire dalla pneumologia, che dovranno rappresentare la nuova mission del nosocomio”. “Avendo ormai superato il regime commissariale – prosegue Longobardi – la Regione Campania ha pieni poteri per programmare in maniera definita e strutturale i reparti specifici da ospitare a Scafati, cosi’ da renderlo strategico per tutti. L’emergenza sanitaria di queste settimane e’ la prova che le strutture ospedaliere devono essere pronte a fronteggiare le situazioni piu’ inedite e complesse”.

“Scafati per questo – osserva il consigliere – deve tornare ad essere, con il suo ospedale, un polo di riferimento sul quale bisognera’ investire risorse, assicurando medici, personale e attrezzature adeguate alle esigenze della comunita’. Per anni l’ospedale di Scafati ha subito pesanti ripercussioni legate anche al commissariamento della sanita’ regionale, ora va rilanciato in maniera seria e precisa. Sicuramente, in questa fase di crisi legata al coronavirus, il nosocomio fara’ la sua parte e ringrazio fin da ora medici, operatori e personale sanitario che sara’ in prima linea in una battaglia difficile ma che affrontata uniti, tutti insieme, possiamo vincere”.

Ansa