Coronavirus: Sant’Egidio – Angri. Si intensificano i controlli ai confini

Questa è la settimana più delicata del “lockdown” e osservare la rigorosa consegna in casa potrebbe determinare già dalla prossima un primo trend positivo

Polizia Locale Sant'Egidio del Monte Albino
Polizia Locale Sant'Egidio del Monte Albino

Effetto “lockdown”. La chiusura totale delle cittadine dell’agro si fa sempre più stringente. Anche i negozi e i supermercati aperti per fornire generi di prima necessità impongono di rispettare rigide regole per l’accesso.

Controlli ai confini.
I controlli sulle strade dell’agro si sono intensificati soprattutto nelle zone di confine che danno accesso al centro. Gli agenti della Polizia Locale di Sant’Egidio stanno controllando incessantemente le vie di accesso tra Angri e Pagani per impedire inutili transiti veicolari. Controlli stretti anche sui pochi pedoni che vengono “intercettati”. Vengono richieste le autocertificazioni per verificare e giustificare l’effettiva presenza in strada.

Ad Angri, come nel resto dell’agro, vengono segnalati ancora giovanissimi in giro per la città deserta con grande sdegno e preoccupazione delle istituzioni e di chi resta a casa consapevole del drammatico momento. Le comunità di Angri e Sant’Egidio hanno timori dopo i due casi positivi accertati nella giornata di ieri.

Settimana decisiva.
Questa è la settimana più delicata del “lockdown” e osservare la rigorosa consegna in casa potrebbe determinare già dalla prossima un primo trend positivo. I primi cittadini ancora una volta invitano a centellinare al minimo le uscite per fare la spesa o andare in farmacia ed evitare i contatti ravvicinati, possibilmente coprirsi il volto con mascherine e quant’altro senza dimenticare di lavare sempre le mani con sapone e per circa venti secondi. In campo ora il buon senso.