Pagani. I probabili motivi della rinuncia del commissario Amendola

La gestione resta per il momento tra le mani della segretaria generale dell’ente, la dottoressa Ivana Perongini, e del presidente del consiglio comunale Enza Fezza

Vincenzo Amendola
Vincenzo Amendola

Si dimette e chiede di essere sostituito. Il viceprefetto Vincenzo Amendola ha chiesto di essere rimosso suo incarico commissariale a Palazzo San Carlo. Solo pochi giorni di permanenza. La gestione di Palazzo San Carlo, in attesa di comunicazioni dalla Prefettura salernitana, resta per il momento tra le mani della segretaria generale dell’ente, la dottoressa Ivana Perongini, e del presidente del consiglio comunale Enza Fezza. La richiesta di sostituzione del commissario prefettizio sarebbe supportata motivi di natura personale – come riporta “Il Mattino”.

I possibili motivi della rinuncia.

Già lunedì il commissario Amendola aveva avvisato la segretaria generale dell’ente di una sua assenza per ieri a causa di una visita cardiaca. Nella mattinata di ieri la rinuncia definitiva all’incarico da parte del viceprefetto salernitano. Nel pieno dell’emergenza per arrestare l’avanzata del Covid-19, il comune di Pagani non si arrende a giocare un ruolo secondario. Il clamoroso colpo inferto alla comunità è venuto proprio da quelle parti dello Stato chiamate a ripristinare l’ordine e la normalità a Palazzo San Carlo.

Le dichiarazioni del Presidente Enza Fezza.

“Ho avuto modo di conoscere il dottore Amendola la scorsa settimana per un incontro operativo in vista dell’emergenza Coronavirus – dichiara a “Il Mattino” il presidente del consiglio comunale Enza Fezza – Solo ieri sono stata messa a conoscenza del fatto che per problemi di salute non poteva essere presente, da qui la decisione del rifiuto. Sono rammaricata ma spero che al più presto la Prefettura effettui la nuova nomina”. La nomina di Amendola era stata formalizzata lo scorso 11 marzo, dopo le dimissioni di Anna Rosa Sessa da vicesindaco, che aveva sostituito l’eletto e decaduto Alberico Gambino. La Prefettura di Salerno si è già attivata per l’individuazione e la nomina del nuovo commissario alla guida dell’ente paganese fino alle prossime amministrative del prossimo autunno salvo ulteriori clamorosi risvolti.