S.Egidio. Coronavirus: le proposte di Anna Pia Strianese all’amministrazione

Scrive al sindaco e all’amministrazione comunale la consigliera comunale Anna Pia Strianese fornendo una dettaglia relazione con proposte operative immediate

Anna Pia Strianese
Anna Pia Strianese

Arrivano proposte operative concrete all’indirizzo dell’amministrazione Carpentieri. A scrivere al primo cittadino e all’amministrazione comunale è la consigliera comunale Anna Pia Strianese che in una dettaglia relazione fa proposte operative immediate per arginare l’emergenza sanitaria Covid-19.

“Pur apprezzando gli sforzi che l’Amministrazione sta facendo per sopperire alle esigenze derivanti dall’applicazione delle misure di contenimento della diffusione del virus dal punto di vista sanitario, nella mia qualità di consigliere comunale, intendo richiamare l’attenzione delle SS.VV. sulle problematiche sociali derivanti da tali restrizioni. È evidente che i divieti imposti a raffica dalle Autorità nazionali e regionali di lasciare le proprie abitazioni hanno causato perdite economiche da parte di molte famiglie, che già facevano sacrifici per sbarcare il lunario, e oggi, loro malgrado, si ritrovano senza reddito e senza prospettive, tenuto conto che, da ultimo, la drastica limitazione degli spostamenti intercomunali, ma anche all’interno del territorio comunale, è stata prorogata al 14 aprile 2020. Delle suddette limitazioni, alla data odierna, non si conosce fine, atteso che il periodo emergenziale cesserà, sulla base della normativa vigente in materia, il 31 luglio 2020, ma non vi sono certezze in merito al termine dell’emergenza epidemiologica”.

Fondo di solidarietà e Commissione Straordinari.

“Per concorrere alla soluzione delle problematiche della popolazione meno abbiente, propongo, pertanto, di creare un fondo costituito dagli accantonamenti di parte delle indennità spettanti a Sindaco e assessori, per il periodo aprile/luglio 2020, al quale contribuirò personalmente, pur non percependo tali indennità, versando lo stesso ammontare mensile. Tale fondo, al quale potranno contribuire anche gli altri consiglieri nella misura che riterranno adeguata, potrà essere impegnato per l’assegnazione di voucher per l’acquisto di generi alimentari e di prima necessità presso gli esercizi commerciali esistenti sul territorio, individuando una fascia di aventi diritto sulla base di criteri condivisi, nei limiti delle risorse accantonate” scrive Strianese.

“Nel confermare la mia disponibilità a concorrere alla soluzione delle problematiche emergenziali in misura pari alle indennità messe a disposizione da Sindaco e Assessori, suggerisco, altresì, in questo eccezionale e tragico momento per l’umanità, di mettere da parte gli antagonismi tra maggioranza e minoranza, lavorando tutti insieme, sia pure da remoto, in una Commissione straordinaria, se mai formata dai capigruppo consiliari, che appare opportuno costituire al più presto per affrontare le problematiche derivanti dall’epidemia in modo concordato” aggiunge.

La proposta finale di Strianese: sospensione di canoni e tributi locali.

Infine, chiedo come vorrà determinarsi l’Amministrazione comunale in merito all’annunciata sospensione di canoni e tributi locali, già deliberata da molti Comuni”.