Tre nuovi positivi COVID -19 a Sant’Egidio del Monte Albino

Tre nuovi positivi COVID -19 a Sant’Egidio del Monte Albino. Ma non è un focolaio come sostiene lo stesso primo cittadino Nunzio Carpentieri

Coronavirus Sant'Egidio del Monte Albino
Coronavirus Sant'Egidio del Monte Albino

Tre nuovi positivi COVID -19 a Sant’Egidio del Monte Albino. Ma non è un focolaio come sostiene lo stesso primo cittadino Nunzio Carpentieri: “Ce lo aspettavamo ed è successo: tre dei familiari del caso n. 6 sono risultati positivi al tampone e dunque portano a 9 il numero dei casi che si registrano nel nostro Comune. Ce lo aspettavamo perché i contatti col paziente dichiarato positivo il 19 marzo scorso erano stati troppo stretti per non lasciar presagire una trasmissione del contagio”.

Tutti sotto controllo.

Tracciati anche gli altri due casi manifestati: “Peraltro, uno dei due positivi viene computato al Comune di Pagani, in quanto la persona è residente a Pagani. Ma poiché al momento dell’ordinanza di isolamento si trovava in quarantena nel nostro Comune a casa del caso n. 6 – dove ovviamente è rimasta – mi pare corretto aggiungerla al totale dei nostri casi. Ad ogni modo, anche a loro, che come vi dicevo erano già in quarantena a seguito della mia ordinanza, il nostro abbraccio e la nostra vicinanza. È chiaramente una brutta notizia ma, per altro verso, ci dice anche che – almeno al momento e facendo tutti gli scongiuri necessari – appartenendo tutti allo stesso nucleo familiare, non ci sono casi al di fuori delle persone già attenzionate e questo è un fatto di per sé positivo e che ci lascia ben sperare”.

Persone in quarantena.

Carpentieri fornisce buone notizie circa i posti in quarantena: “Scende a 17 il numero delle persone in quarantena. Ieri questo numero era pari a 23. Vi spiego il perché della variazione: abbiamo sottratto i 3 casi positivi (non vanno conteggiati come soggetti in quarantena ma come pazienti positivi e per loro il percorso è diverso) e 4 persone collegate al caso n. 4, per le quali ieri è scaduta l’ordinanza di quarantena; abbiamo aggiunto una persona rientrata dalla Lombardia (dove si era recato per motivi di lavoro) e posta, come da disposizioni di legge, in isolamento fiduciario (ordinanza n. 19 del 24 marzo)” una situazione tutto sommato sotto controllo.