Coronavirus, Lamorgese: rischi infiltrazioni mafiose sono alti

Oltre a una direttiva inviata ai prefetti per tenere alta la guardia, il Viminale ha promosso e perfezionato un protocollo di legalità

Coronavirus crisi economica - economia
Coronavirus crisi economica - economia

Coronavirus, Lamorgese: rischi infiltrazioni mafiose sono alti.

“Per essere efficaci, le ingenti erogazioni messe in campo dal governo per fronteggiare la crisi devono raggiungere le aziende in tempi rapidi, senza intoppi burocratici e lungaggini”. Così il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese in merito al rischio di infiltrazioni mafiose nella fase post-epidemia.

Controlli ex post, la revoca del finanziamento se interdittiva.

“E’ una quantità straordinaria di risorse pubbliche – spiega la titolare del Vimi ale in una intervista ad Avvenire – che non deve finire, anche in parte, nelle mani sbagliate. I rischi sono alti. Ho immediatamente segnalato le possibili criticità di un circuito di finanziamenti, che deve essere fluido ma senza prescindere dai controlli. Oltre a una direttiva inviata ai prefetti per tenere alta la guardia, il Viminale ha promosso e perfezionato un protocollo di legalità con la Sace, la società di Cassa depositi e prestiti indicata dal governo per garantire le erogazioni alle aziende. E sono stati previsti, oltre al filtro dell’autocertificazione, controlli antimafia ex post, con la revoca del finanziamento in caso di interdittiva”.

aska