Angri. Coronavirus: la nota delle opposizioni sulle misure di contrasto

I gruppi di minoranza consiliare della città di Angri, dichiarano la disponibilità a collaborare affinché le misure di contrasto alla diffusione del COVID-19 siano efficaci e sicure

Angri consiglio comunale opposizione
Angri consiglio comunale opposizione

La nota delle opposizioni: il testo.

I gruppi di minoranza consiliare della città di Angri, nell’esercizio delle funzioni e dei compiti ad essi attribuiti dalla legge, dallo Statuto Comunale e dai regolamenti del Consiglio Comunale, e con lo spirito di piena collaborazione istituzionale già più volte manifestato, esprimono al Sindaco Cosimo Ferraioli e all’Amministrazione comunale l’incondizionata disponibilità a collaborare affinché le misure di contrasto alla diffusione del COVID-19 siano efficaci e sicure.

Ordinanze lente.

Con questo spirito, segnaliamo la crescente preoccupazione degli angresi per lo sfasamento tra le date di rientro dei nostri concittadini dalle aree del Paese più colpite dall’emergenza e le date di emissione delle ordinanze di quarantena obbligatoria, tra le quali, in alcuni casi, passano anche dieci giorni. Auspicando che il fatto sia riconducibile a un mero errore materiale, o a un ritardo nella sola pubblicazione delle ordinanze, chiediamo al Sindaco di fornire chiarimenti i merito ai consiglieri comunali e alla popolazione, anche per evitare il dilagare di panico e sfiducia. Un’altra fonte di preoccupazione riguarda l’osservanza delle ordinanze di quarantena obbligatoria da parte delle persone contagiate e/o sintomatiche e dei loro familiari.

Necessità di monitoraggio.

A questo proposito segnaliamo che alcuni Comuni hanno attivato un ufficio ad hoc con il compito di verificare su base quotidiana, anche tramite telefonate mirate, il rispetto delle disposizioni di prevenzione del rischio contagio. Crediamo che un simile sistema possa assolvere alla duplice funzione di fornire un supporto morale e psicologico alle persone interessate da misure restrittive, e di assicurare la collettività in merito alla limitazione delle occasioni di propagazione del virus. Inoltre, sempre con spirito di collaborazione e nel tentativo di fornire un contributo fattivo alle politiche messe in atto dall’Ente comunale, chiediamo di conoscere quali procedure sono state messe in atto per gestire le comunicazioni tra la ASL e il Comune, e che tipo di informazioni vengono fornite all’Ente dalle autorità sanitarie in merito ai casi di cittadini risultati positivi ai tamponi.

Emissione di bollettini quotidiani.

A questo proposito, invitiamo il Sindaco a fornire un quadro più completo della diffusione del contagio sul territorio comunale. Più precisamente, chiediamo che vengano emessi bollettini quotidiani che descrivano i singoli casi di contagio, le condizioni di contesto, il numero di quarantene obbligatorie e volontarie, al fine di dare alla cittadinanza una visione esaustiva del rischio contagio nel nostro comune, così come stanno facendo altri comuni dell’agro nocerinosarnese.

Perplessità sulla misurazione della temperatura.

Infine, i consiglieri firmatari invitano i vertici dell’amministrazione a prendere nella dovuta considerazione le perplessità espresse dai rappresentanti delle farmacie, degli esercizi commerciali di generi alimentari, e delle attività produttive strategiche in merito all’ordinanza sindacale che impone la misurazione della temperatura corporea di clienti e dipendenti. In particolare, come già comunicato dai gestori delle farmacie, segnaliamo che dovrebbero essere sempre considerate le necessità di distanziamento sociale (1,5 metri) tra gli individui, le difficoltà di reperimento sul mercato dei dispositivi di protezione individuale per il personale incaricato delle misurazioni (mascherine FFP3), nonché gli elevati livelli di formazione del personale richiesti per una misurazione che avvenga in piena sicurezza e nel rispetto del ruolo fondamentale che questi lavoratori stanno svolgendo per l’intera collettività. Sicuri che il primo cittadino vorrà fornire una risposta esaustiva e tempestiva alle preoccupazioni sopra esposte, si rinnova la solidarietà dei gruppi consiliari di minoranza al Sindaco, e la disponibilità a collaborare nell’interesse dell’intera cittadinanza.

I consiglieri firmatari Rita Amarante Giancarlo Palmiro D’Ambrosio Luigi D’Antuono Domenico D’Auria Vincenzo Ferrara Gianluca Giordano Ivan Lanzione Eugenio Lato Pasquale Mauri Alberto Milo Annamaria Russo