Angri. Possibile un nuovo commissarimento. Ferraioli rischia

Nel pieno della pandemia Covid-19 lo spettro di un nuovo commissariamento per il sindaco Cosimo Ferraioli. La coda del suo chiacchierato e discutibile mandato ha dell’incredibile

Cosimo Ferraioli
Cosimo Ferraioli

Nel pieno della pandemia Covid-19 lo spettro di un nuovo commissariamento per il sindaco Cosimo Ferraioli. La coda del suo chiacchierato e discutibile mandato ha dell’incredibile. Defenestrato la scorsa estate e tornato in sella per dispositivo del TAR ora rischia di dovere lasciare nuovamente la guida della città. Ferraioli rischia di cedere il passo a un nuovo commissariamento nelle prossime settimane.

Accolto il ricorso.

Il Consiglio di Stato ha infatti accolto il ricorso presentato dal legale del consigliere comunale di opposizione, Gianluca Giordano, in merito all’impugnazione della sentenza con cui il Tar di Salerno ha riabilitato con pieni poteri sindaco e consiglieri comunali nello scorso mese di gennaio, la notizia è stata riportata dall’online locale Angrinews.

Giordano precisa.

La trattazione collegiale era prevista inizialmente per il 18 giugno. Giordano dice: ” Non ho firmato alcun mandato ai miei legali per chiedere l’anticipazione della discussione in merito alla sentenza del Tar – esordisce Gianluca Giordano – sono procedure messe in atto dai legali!”.

L’ex presidente del consiglio comunale Giordano chiarisce in merito di non avere accellerato nessun processo. “Chi ha dubbi in merito può prendere contatti con il mio legale – spiega Giordano – sono atti che seguono le procedure legali e da parte mia non c’è stata alcuna esigenza specifica di anticipare i tempi”.

Giordano afferma anche di avere dato la sua piena disponibilità al sindaco Ferraioli in questo delicato momento di emergenza sanitaria. “I confronti si faranno al momento giusto” conclude Giordano.