Coronavirus: De Luca, verso ritorno attività normali ospedali

Complessivamente, ha ricordato il governatore, "sono 120 i posti letto di terapia intensiva tra Caserta, l'ospedale del Mare di Napoli e il Ruggi di Salerno"

Coronavirus
Coronavirus

Visita a Caserta, qui 24 posti letto di terapia intensiva.

Visita del governatore della Campania, stamattina, all’ospedale modulare Covid in corso di realizzazione a Caserta. Un “intervento dal valore straordinario”, lo ha definito De Luca, che prevede la realizzazione di 24 posti letto di terapia intensiva, grazie al quale si “avra’ la possibilita’ di separare nettamente l’attivita’ ospedaliera normale dall’attivita’ dedicata ai pazienti Covid”. “Abbiamo gia’ programmato di avviare la seconda fase e quindi ci stiamo preparando ad attivare alla fine di aprile l’attivita’ normale degli ospedali – ha spiegato a margine della visita – Abbiamo dovuto in qualche modo sospendere gli interventi ma e’ chiaro che non possiamo tenere in sospeso le attivita’ dei politrauma, dei pazienti cardiologici, ad esempio. Questo di Caserta e’ un intervento di grandissimo valore, i tempi sono stati rispettati alla lettera, e’ un altro dei miracoli amministrativi che abbiamo fatto in Campania”.

Ridotti gli acessi in terapia intensiva.

Complessivamente, ha ricordato il governatore, “sono 120 i posti letto di terapia intensiva tra Caserta, l’ospedale del Mare di Napoli e il Ruggi di Salerno”. “E’ una bella prova di organizzazione della nostra sanita’ e di efficienza operativa – ha aggiunto – abbiamo dato tranquillita’ a tutta la provincia di Caserta anche se per fortuna in queste due settimane abbiamo avuto un accesso ridotto alla terapia intensiva”. “Ma questi posti – ha ribadito – ci servono per separare l’attivita’ ospedaliera normale. Questa bellissima struttura, non sara’ demolita ma restera’ qui. Da ricordare che abbiamo previsto anche un altro investimento 30 milioni di euro per l’ospedale di Caserta, siamo decisamente soddisfatti”. SS 18-APR-20 13:11 NNNN