Pagani Servizi, la nota di Toscano

Francesco Toscano
Francesco Toscano

“Sento il dovere di ringraziare i 24 consiglieri comunali che all’unanimità hanno votato a favore della proroga
dei Contratti di servizi per un altro mese, ma contestualmente confesso che le mie ansie non sono affatto
diminuite. Un mese passa in fretta ed i miei ragazzi non possono continuare a stare sulla graticola. Tra l’altro
la proroga ci viene concessa con una decurtazione dei canoni, lacrime e sangue! A tal proposito voglio
chiarire che i dipendenti sono stato sottoposti a FIS ( Fondo Integrativo Salariale ) con decorrenza 02 maggio
– 04 luglio 2020 – al 50%”. Così l’amministratore unico della Pagani Servizi Francesco Toscano.

“L’ex Sindaco Bottone ha ragione quando afferma che in una riunione informale del 20 marzo sul Comune, alla
presenza dei Commissari prefettizi e di alcuni Consiglieri, si era arrivati alla determinazione di azionare
eventuali ammortizzatori sociali tra l’altro concessi in deroga dai decreti emergenza Covid – 19 – e lo stesso Bottone si era attivato nella sua veste di Funzionario Inps – a documentarsi ed impegnarsi e per questo lo ringrazio pubblicamente – ma una riunione improvvisata ed informale non produce effetti giuridici tali da
azionare eventi amministrativi. Dopo quella riunione ho dovuto sudare le proverbiali 7 camicie per avere la
necessaria documentazione a supporto, che va dalle comunicazioni di commissari e responsabili di settore, comunicazione alle OO.SS. ed ottenimento del Verbale congiunto, tutto necessario all’esperimento della pratica FIS. Mi dispiace che abbia invitato la Dr. Perongini a inasprire il controllo di gestione quasi a voler individuare azioni produttrici di danno erariale da parte mia – comunque sono giorni che prodotto le situazioni economiche infrannuali della società proprio per espletare al meglio quanto sollecitato da Bottone – ahimè ci saranno belle sorprese – prosegue-. Va da sè che con canoni ridottissimi e personale al 50% i servizi saranno ridotti e rallentati, con il biglietto dell’opera dei pupi non si può andare al San Carlo, avvisate anche il Consigliere Pietro Sessa di questo e, già che ci siete, avvisate anche Fabio Petrelli che la riduzione alla Pagani servizi è mia e solo mia, compresa una decurtazione del mio compenso adottata VOLONTARIAMENTE e senza nessun obbligo o
costrizione, ma se un capitano chiede sacrifici alla propria squadra, deve essere il primo a farli”.