I 100 anni di Nonna Michela a Sarno

Dei fiori per omaggiarla a nome della città. Così il sindaco, Giuseppe Canfora, ha salutato nonna Michela in questo giorno speciale. 

Nonna Michela
Nonna Michela

Cento candeline in fila per Nonna Michela nel giorno del suo compleanno speciale. Nata il 6 maggio del 1920, dolce, vivace e tanto forte oggi ha raggiunto un traguardo che inorgoglisce la città di Sarno che conta diversi centenari.

Colonna fondamentale.

Una colonna fondamentale della famiglia, punto di riferimento con i suoi racconti di vita vissuta, di sacrifici, di speranze. E’ nonna, bisnonna e trisavola e vive a casa della figlia Maria.  Un sorriso aperto e sincero, chiamata dalla nipote Tiziana simpaticamente Fantaghirò. “Oggi la mia Fantaghiro’(nonna) compie 100 anni chi mi conosce di riflesso sa tutto di lei: cocciuta ancora adesso, simpatica perchè  facciamo i selfie con le linguacce e adesso più che mai dolcissima perché … vaglielo a spiegare che nn ci possiamo nè abbracciare e nè baciare. Lei si che ha visto tutto”. Un secolo di storia e tante vicissitudini affrontate e superate.

I nipoti.

Auguri dai nipoti Nello, Salvatore, Michela e Tiziana; dai pronipoti Maria, Guerino, Claudia,Sara, Rocco e Benedetta. Ed il più piccolo della famiglia, Santiago 3 anni che l’ha resa trisavola. Auguri affettuosi giungono a nonna Michela anche dalla famiglia Scoppetta. Auguri da tutta la redazione di Sarno Notizie, dal direttore Rossella Liguori 

GLI AUGURI DEL SINDACO GIUSEPPE CANFORA L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta e spazio al chiuso

Dei fiori per omaggiarla a nome della città. Così il sindaco, Giuseppe Canfora, ha salutato nonna Michela in questo giorno speciale.

“A nome dell’amministrazione comunale e di tutta la cittadinanza, ho rappresentato a nonna Michela, nostra  concittadina centenaria,  e a tutti i suoi familiari, gli auguri sinceri per il brillante traguardo raggiunto. Purtroppo, a causa delle note disposizioni per l’attuale emergenza non è stato possibile festeggiare pubblicamente la neo-centenaria, come facciamo sempre, ma non ha voluto far mancare a nonna Michela il calore, l’affetto e la vicinanza di tutta la comunità”