Arechi Multiservice salva: Tono ce l’ha fatta

Il tribunale emette decreto di omologa per la ristrutturazione del debito, premiato il lavoro sinergico e costante. Ora la società potrà programmare il suo futuro

Con decreto di omologa pubblicato il 20 marzo 2020, il Collegio del Tribunale di Salerno, presieduto dal dott. Giorgio Jachia, ha omologato gli accordi ex art. 182 bis L.F. accogliendo il ricorso della Arechi Multiservice S.p.A. “E’ con viva soddisfazione ed un pizzico di orgoglio che accolgo questa bella notizia”, commenta a caldo il dott. Alfonso Tono, Amm.re Unico della Società in house della Provincia di Salerno. “Ringrazio il socio unico Provincia di Salerno per averci creduto, il Presidente Strianese per averci supportato, i consiglieri provinciali, i Dirigenti Lizio, Ranesi, Cavaliere e Fronda, il Segretario Generale Papa ed anche l’ex Presidente Giuseppe Canfora e l’ex-Direttore Generale Bruno Di Nesta. Estendo la gratitudine all’on. Piero De Luca, sin dall’inizio vicino a noi e riferimento essenziale e sostegno imprescindibile nei vari momenti. Plaudo a tutti coloro che – a vario titolo – ci hanno incoraggiato e dato una grossa mano negli ultimi due anni e mezzo in cui la Società da un lato ha curato tutti gli adempimenti necessari per venir fuori dalla crisi e dall’altra ha cambiato marcia grazie alla corretta esecuzione delle commesse, all’ampliamento ed all’implementazione dei servizi effettuati ed all’abnegazione ed al sacrificio di tutti i dipendenti, i Dirigenti ed i Responsabili dei Settori ed i collaboratori della Arechi Multiservice S.p.A”.

Fuori dalla crisi.

Il Tribunale di Salerno ha sottolineato nel decreto di omologa che “si tratta di un grande imprenditore commerciale – anche se con un unico azionista peraltro pubblico – che esce dalla crisi economica non soltanto grazie al significativo sacrificio imposto ai creditori, ma anche al programma di risanamento, che non è solo di liquidazione di parte significativa del patrimonio, ma è anche un piano industriale prevedente nuove attività economiche”. “E’ questo – sottolinea ancora il dott. Alfonso Tono – l’aspetto che mi rende maggiormente orgoglioso. Ringrazio il Collegio Sindacale della Società, il suo presidente dott. Vincenzo Bennet, gli organi della Procedura nelle persone dell’avv. Giovanni Noschese e del dott. Vincenzo Piccolo, il dott. Salvatore Giordano e l’avv. Marco Sansone. Ciascuno ha dato il massimo e – come è giusto che sia – adesso il risultato raggiunto è il giusto premio per tutti”.

L’accordo di ristrutturazione.

In conclusione – poi – un auspicio assai significativo: “Si tratta di un accordo di ristrutturazione che vale (considerando anche la transazione fiscale) oltre 5 milioni di euro e che adesso la Società ha l’obbligo morale, prima che giuridico, di onorare nella sua interezza. Nel momento in cui proponevo un sacrificio a tutti i creditori (che non conoscevo e che apprezzo per l’attesa e la pazienza mostrata) ed ai dipendenti della Società, auspicavo proprio una conclusione come questa. Nella mia vita personale e professionale ogni traguardo è una nuova partenza, da affrontare rimboccandosi le maniche e guardando sempre oltre l’orizzonte. Non sarà semplice, ma la soddisfazione odierna ripaga di tutto il lavoro fatto ed offre nuovi stimoli per l’immediato futuro”.

Alla soddisfazione di un importante risultato raggiunto si associano le parole del presidente della Provincia , l’ingegnere Michele Strianese :
” Il risultato raggiunto da Arechi e’ straordinario. Quando siamo andati al governo della Provincia nel 2017 le Partecipate erano in crisi profonda. Come morti da resuscitare e noi li abbiamo resuscitati. Io da Presidente prima e da Consigliere Delegato alle Partecipazioni Societarie poi, ho dato il massimo. Abbiamo trovato i tecnici giusti per dare una svolta ed ecco che abbiamo risanato anche Arechi Multiservizi. Ringrazio per il sostegno politico l’On.Piero De Luca che ci e’ stato sempre vicino in questa battaglia per il lavoro e i servizi ai cittadini, sostenendoci nei momenti difficili” Inutile sottolineare come tutto quanto sopra rappresenti un vero e proprio sospiro di sollievo per i circa 100 dipendenti della Arechi Multiservice S.p.A. e per le loro famiglie, che – anche in un momento di difficoltà come quello attuale – possono guardare all’immediato futuro con un bel sospiro di sollievo.