Salerno. Fase 2. Ancora incertezze per il trasporto pubblico locale

A Salerno Busitalia si è rivolta alla sua utenza. Propone attraverso la somministrazione di un questionario specifico la necessaria rimodulazione dei propri servizi aziendali a partire dal 4 maggio

Bus interni distanziamento
Bus interni distanziamento

Poche ore ancora e poi il TPL (trasporto pubblico locale) subirà una significativa sollecitazione. Domattina i mezzi pubblici affronteranno, senza non poche incognite, l’avvio della fase 2 dell’emergenza Covid-19 con il rientro al lavoro di milioni di persone. La ministra dei Trasporti, Paola De Micheli, stima che con la fase 2 si metteranno nuovamente in movimento circa 3 milioni di persone su tutto il territorio nazionale.

Massiccio utilizzo dei mezzi pubblici.

Molti utilizzeranno proprio i mezzi pubblici. Suscitano ancora forti dubbi le modalità di sicurezza da applicare con cui si dovrebbe viaggiare sui mezzi pubblici. La situazione di proiezione attuale che si presenta come uno scenario adatto per moltiplicare i contagi è alquanto caotica e critica. Il nodo fondamentale resta legato al distanziamento sociale, principale misura di sicurezza da osservare con rigore all’interno di treni, bus, tram e metropolitane. Nelle intenzioni degli addetti ai lavori è necessario mantenere i passeggeri a un metro gli uni dagli altri. Questa soluzione se applicata ridurrà il carico a bordo fino al 70%. Una scelta che ricadrebbe su chi viaggia costringendo molti ad aspettare le corse successive.

Il 18 maggio.

Una situazione che potrebbe anche diventare più caotica dopo il 18 maggio, alla riapertura quasi totale dei negozi quando la domanda di trasporto pubblico aumenterà. Da domani dovranno essere tenute in conto le linee guida del ministero dei Trasporti sulla ripartenza: dall’obbligo di mascherina (anche in stoffa) al contingentamento degli ingressi con flussi separati in entrata e uscita. Saranno le aziende di TPL a dover tradurre a livello pratico queste norme, con non pochi dubbi e preoccupazioni. Ci voglio regole certe sui controlli. Garanzie sulla titolarità e la determinazione degli addetti ai controlli. Fondamentale la funzione del personale di bordo e di stazione, in questi casi, potrà essere quella di attivare procedure di segnalazione di situazioni anomale. Anomalie demandate alle Forze dell’ordine.

Il questionario di Busitalia.

In Provincia di Salerno Busitalia si è rivolta alla sua utenza con un avviso pubblicato sul proprio sito (vedi qui). L’azienda propone attraverso la somministrazione di un questionario specifico la necessaria rimodulazione dei propri servizi aziendali a partire dal 4 maggio. “In vista della ripresa delle attività produttive – si legge nella comunicazione – prevista dal DPCM del 26/04/2020, che introduce le nuove misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, finalizzato a gestire la cosiddetta “Fase 2” in vigore dal 4 maggio 2020, l’Azienda, nel predisporre il piano di revisione dei propri servizi di TPL, intende analizzare le effettive esigenze di spostamento dell’utenza in questo delicato momento di ripresa. Pertanto si chiede ai gentili viaggiatori di segnalare le proprie esigenze di mobilità indicando: la linea aziendale di interesse; gli orari di partenza delle corse; la tratta da percorrere (da/per quale comune) e il motivo (es.: lavoro, etc.) dello spostamento con il trasporto pubblico.” I suggerimenti o le osservazioni potranno essere inviate via mail al servizio clienti. La valutazione consentirà all’azienda di rimodulare l’offerta dei servizi anche sulla base prevalente delle effettive esigenze, nel rispetto delle misure di contenimento sanitario.