Scafati. Il prefetto, a Scafati il poliziotto di quartiere

Consulta telematica con il comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza

Si è riunito, questa mattina, ovviamente per via telematica, il comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza, convocato, su mia richiesta, dal prefetto di Salerno Francesco Russo per discutere della questione sicurezza a Scafati. All’incontro erano presenti, ovviamente, anche i vertici provinciali delle forze dell’ordine, il questore di Salerno Maurizio Ficarra e i comandanti di carabinieri e guardia di finanza, il tenente colonnello Gianluca Trombetti e il generale di brigata Danilo Petruccelli.
“Ora più che mai, con la progressiva ripresa delle attività produttive commerciali e con il graduale allentamento delle misure, occorre profondere il massimo impegno per non vanificare gli sforzi compiuti sinora dalle Istituzioni, dalle Forze di Polizia e dall’intera cittadinanza della provincia di Salerno”, ha sottolineato il Prefetto Russo.
Ha fortemente richiamato la necessità di mantenere alta l’attenzione in questa delicata fase della gestione emergenziale, in cui le regole della mobilità sono mutate e, di conseguenza, potrebbe aumentare il rischio di fenomeni di delittuosità comune e criminalità diffusa.
Su tale tema ci si è concentrati in relazione ad alcuni episodi verificatisi nel comune di Scafati e, alla presenza del Sindaco, si è convenuto sulla necessità di potenziare l’attività di vigilanza, anche in questo caso con la possibilità di pattugliamento “a piedi”, per incrementare i livelli di sicurezza della cittadinanza.
“Voglio, prima di tutto, ringraziare il prefetto per aver dato riscontro alla mia richiesta. Anche stamattina ho ribadito la necessità di una maggiore attenzione da parte dello Stato al nostro territorio, alla luce degli ultimi inquietanti eventi di cronaca, attraverso il potenziamento dei servizi di controllo e l’incremento degli organici delle forze dell’ordine già presenti. Il prefetto Russo ha condiviso le mie preoccupazione, facendole proprie ed impegnandosi a concordare, insieme ai vertici provinciali delle forze dell’ordine, un piano di intervento operativo per rendere più sicura la nostra Scafati. Rispetto alla mia richiesta di assegnare nuove unità alla locale tenenza dei carabinieri, non sarà possibile un riscontro a breve termine, ma il colonnello Trombetti mi ha assicurato che, nelle more, disporrà per Scafati una serie di servizi di controllo aggiuntivi, proprio per garantire una presenza maggiore degli uomini dell’Arma sul territorio. Questo è solo un primo traguardo raggiunto: il nostro obiettivo resta l’incremento degli organici delle forze dell’ordine già presenti, con l’attribuzione di nuove risorse, sia in termini di uomini che di mezzi. L’ho ribadito anche stamattina durante la riunione, sottolineando che c’è bisogno di uno sforzo ulteriore da parte delle istituzioni preposte affinché si possa fronteggiare in maniera risolutiva l’emergenza sicurezza nella nostra città, evitando un’ulteriore recrudescenza della criminalità, in ogni sua forma.”
Salvati