“La città ha dei servizi grazie al mio coraggio”. Risponde Toscano di Pagani Servizi

"Vero è che la spesa prevista dal Comune per il 2020 è scesa da 1.168.000 ad 830.000 ( IVA COMPRESA ) cioè da 957.000 a 680.000 e questo comporta l'impossibilità di fornire servizi adeguati in quanto non posso assumere dipendenti a tempo determinato"

Francesco Toscano
Francesco Toscano

Tiene banco a Pagani la vicenda legata alla paventata cessazione del servizio degli Ausiliari della sosta  a causa di problemi alle casse.  Non si è riusciti a chiudere un nuovo piano industriale per la Pagani Servizi, ed a spiegarlo era stato il sub commissario Nicola Auricchio che, insieme al commissario prefettizio Vincenzo Amendola e il sub commissario Sergio Rivetti, sta analizzando la situazione economica del Comune.

Intanto a rispondere è l’Amministratore Unico Pagani Servizi srl –  Francesco Toscano.

LA NOTA 

“La Pagani servizi Srl allo stato attuale sta operando sotto la mia diretta responsabilità in quanto i contratti scaduti il 31.12.2019 e tre volte prorogati sono scaduti definitivamente il 31.05.2020, già lo 01.06.2020 avrei dovuto procedere alla cessazione delle erogazioni di servizio ma la mia coscienza di cittadino ( ricordo trattasi di servizi importantissimi per la città ) e quella di datore di lavoro di 22 unità, mi ha fatto assumere una fortissima responsabilità continuando le attività con gravi pericoli per la mia incolumità patrimoniale e contabile amministrativa, il Comune con delibera del 03 06 2020 ha conferito i servizi per un mese ancora, e dunque al 30.06.2020 si sono nuovamente interrotte le fattispecie giuridiche che legano il Comune alla Pagani servizi in termini di erogazione dei servizi e da allora si è continuati sino ad oggi sempre e solo sotto la mia responsabilità. Ricordo altresì che i mesi di maggio e giugno ci sono stati concessi al 50% dei canoni precedenti, cioè abbiamo preso la metà ( a dire il vero non l’abbiamo ancora presi tutti ) i dipendenti sono stati sottoposti a FIS ( Fondo integrativo salariale ) per il 50 %. Nonostante tutto sono riuscito con acume amministrativo miracoloso a pagare tutti gli stipendi di maggio di giugno e finanche la quattordicesima.

Vero è che la spesa prevista dal Comune per il 2020 è scesa da 1.168.000 ad 830.000 ( IVA COMPRESA ) cioè da 957.000 a 680.000 e questo comporta l’impossibilità di fornire servizi adeguati in quanto non posso assumere dipendenti a tempo determinato ( come si faceva negli anni addietro ) ne concedere straordinario, ma non è assolutamente vero che non vi è stato un nuovo Piano industriale, ho redatto e protocollato io stesso una rimodulazione dei contratti, offerta allegata ai lavori del consiglio comunale del 30.04.2020 dove da 1.168.000 offrivo i servizi ad 880.000, somma poi ” arbitrariamente ” ridotta a 830.000 ( perchè questo ci sta in bilancio ! ), nella stessa offerta mi sono spontaneamente e volontariamente ridotto il compenso del 25% ( prima volta nella storia della Pubblica amministrazione Paganese ).

I Commissari ed i funzionari stanno lavorando alacremente alla stipula dei nuovi contratti per i servizi di MANUTENZIONE – PULIZIE ED AUSILIARI ALLA SOSTA – ma al momento nulla è stato concretizzato – CHE NESSUNO DUNQUE SI ACCREDITI OPERE DI PATATERNIZZAZIONE E DI CAVALIERE DELLA GIUSTIZIA –

Se oggi la città riceve ancora servizi ( in misura rimaneggiata per ovvi motivi … ma i miei ragazzi stanno dando l’anima ) e se i livelli occupazionali sono ancora in piedi lo si deve SOLO A ME,  al mio coraggio, al mio senso di responsabilità”