Crociere: MSC torna a Napoli, scali settimanali fino a ottobre

Oggi a Napoli ha fatto tappa MSC Grandiosa partita da Genova domenica scorsa e che toccherà anche Palermo e La Valletta (Malta) prima di tornare nel capoluogo ligure

Napoli. Porto. Crociere
Napoli. Porto. Crociere

Crociere: MSC torna a Napoli, scali settimanali fino a ottobre. A bordo misure anti Covid.

Test di immunofluorescenza per tutti gli ospiti e per l’equipaggio prima di ogni crociera, escursioni ”protette” organizzate esclusivamente dalla compagnia per i propri ospiti, copertura assicurativa in caso di contagio prima, durante o dopo la crociera, maggior distanziamento fisico a bordo grazie anche a una capienza ridotta della nave e all’introduzione di figure il cui compito e’ vigilare sul rispetto del distanziamento negli spazi comuni, nuove modalità’ di accesso ai ristoranti e un buffet completamente ridisegnato, igienizzazione delle cabine due volte al giorno, potenziamento del servizio sanitario di bordo. Sono le misure adottate da MSC Crociere che per prima ha ripreso la navigazione.

Un segnale di speranza.

Oggi a Napoli ha fatto tappa MSC Grandiosa partita da Genova domenica scorsa e che toccherà anche Palermo e La Valletta (Malta) prima di tornare nel capoluogo ligure. La nave ammiraglia della compagnia di navigazione effettuerà a Napoli 11 scali da oggi fino al 31 ottobre. ”Siamo orgogliosi di essere la prima compagnia al mondo a ripartire – ha affermato Leonardo Massa, managing director Italia MSC Crociere – tutto il mondo ci guarda, abbiamo una grande responsabilità. Abbiamo aspettato cinque mesi e lavorato molto per poter ripartire garantendo sicurezza al nostro equipaggio, ai passeggeri a cui dobbiamo e vogliamo regalare una vacanza e alle comunità locali che toccheremo”. Una ripartenza in sicurezza che si esplica nelle 190 pagine del protocollo stilato dal Comitato tecnico scientifico e da esperti internazionali e validato dal RINA e la cui attuazione e messa in pratica ha significato per MSC Crociere 500mila euro di maggiori costi a fronte di un calo del fatturato nel 2020 del 70 per cento in considerazione anche del fatto che su una flotta di 17 navi a ripartire, per ora, è soltanto una. Danni economici che – ha evidenziato Massa – ”non si sono tradotti in un aumento dei prezzi e che non fermerà’ il piano industriale che prevede nel 2021 il varo di due nove navi”.

Distanziamento a bordo.

A bordo vige l’obbligo di mascherina in tutti i luoghi in cui non possa essere rispettato il distanziamento sociale, sono state posizionate 100 colonnine igienizzanti e la nave e’ dotata di avanzati sistemi d’igienizzazione degli ambienti. Le mascherine inoltre vengono fornite quotidianamente ai passeggeri. Sul fronte del divertimento a bordo, a causa delle restrizioni di viaggio per gli artisti internazionali, non ci sarà il Cirque du Soleil at Sea che e’ sostituito temporaneamente da esibizioni di musica dal vivo tra cui i concerti ‘The Beatles A Musical Celebration’ e ‘Who’s Who A 60’s Musical Celebration’.

Il viaggio di MSC Grandiosa segna la ripartenza di un asset, quello della Blu Economy, che rappresenta il 3 per cento del Pil e occupa 120mila persone addette. I numeri dicono che nel 2019, la scorsa estate, il Mediterraneo era solcato da 45 navi da crociera ed erano stati 11 milioni i turisti venuti in crociera in Italia.

ANSA