Scafati. Ancora miasmi in Via Galileo Ferraris. Riprende la protesta

Scatta l’esposto alle autorità. Nuova protesta dei residenti di via Galileo Ferraris, alle prese con i miasmi maleodoranti provenienti dalla Helios

Via Galileo Ferraris Helios
Via Galileo Ferraris Helios

Scafati. Ancora miasmi in Via Galileo Ferraris. Riprende la protesta.

“E’ tornata la puzza purtroppo, sono giorni che non si riesce a vivere”. Scatta l’esposto alle autorità. Nuova protesta dei residenti di via Galileo Ferraris, alle prese con i miasmi maleodoranti provenienti dalla Helios, l’azienda che stocca e tratta rifiuti.

Una situazione apparentemente migliorata.

“Gli ultimi mesi la situazione era notevolmente migliorata, tanto che dopo anni eravamo riusciti anche a cenare in giardino, ma da quando siamo ritornati dalle ferie abbiamo notato un drastico peggioramento della situazione” conferma una residente. La puzza è probabilmente dovuta allo stoccaggio della frazione umida, sulla scia di quanto avvenuto in passato e che ha comportato, a seguito degli esposti presentati, un doppio commissariamento giudiziario dell’azienda. Dopo la riduzione dell’organico e del potenziamento delle strutture a essa dedicata, la situazione era notevolmente migliorata, con buona pace dei residenti.

Le lamentele. La nota di Sarconio.

“Sono numerosi i cittadini che lamentano disagi legati agli odori nauseabondi che molto probabilmente provengono dal sito di stoccaggio di rifiuti denominato Helios. Si chiede pertanto agli organi in epigrafe, ognuno per quanto di propria competenza di effettuare i dovuti controlli a tutela della salute pubblica, individuare i responsabili ed attivare tutte le procedure e gli organi che si ritengano preposti a farlo”. E’ il consigliere comunale di minoranza Giuseppe Sarconio a farsi portavoce della protesta, segnalando il problema al Sindaco, Polizia Municipale, Arpac, Asl Salerno e ai carabinieri del NOE.

Sopralluoghi e presidio.

“Siamo stati diverse volte in zona, credendo che il problema fosse di natura provvisoria, probabilmente causato da un guasto o un qualsiasi guasto al sistema di abbattimento degli odori – continua Sarconio – ma le proteste dei residenti hanno trovato conferma nel continuo proliferare di cattivi odori, a tratti davvero insopportabile e pericoloso per la salute”.
Adriano Falanga