Angri. Scuola, prima campanella il 9 ottobre

Il sindaco: "Non ci sono al momento le condizioni minime e necessarie per riprendere l'anno scolastico 2020/2021 in tutta sicurezza"

Ancora un rinvio per l’inizio dell’anno scolastico ad Angri. Il sindaco Cosimo Ferraioli annuncia su Facebook che l’apertura delle scuole slitta al 9 ottobre.

“A seguito di una lunga riunione con i Dirigenti degli Istituti Scolastici di Angri, e dopo aver ascoltato con la massima attenzione le criticità da loro esposte circa i ritardi del Governo Centrale, si è concluso che non ci sono al momento le condizioni minime e necessarie per riprendere l’anno scolastico 2020/2021 in tutta sicurezza per i nostri ragazzi, bambini e per tutto il personale scolastico – scrive- Scelta più che obbligata in quanto ancora non pervengono notizie chiare e definitive, nè abbiamo ancora ricevuto materiale e dispositivi di sicurezza.

Pertanto, nonostante tutti gli sforzi fatti dal nostro Comune con l’imminente installazione delle tendostrutture modulari, climatizzate e complete di ogni comfort – per garantire spazi più ampi e le giuste distanze di sicurezza – non ci sono ancora tutti i criteri giusti per ripartire in sicurezza. Aprire per richiudere dopo qualche giorno è da folli! E qualche Comune ne sta dando dimostrazione. Altri ancora, stanno posticipando ulteriormente, nonostante non siano interessati dalle votazioni.

Angri è stato il primo Comune in Italia a posticipare l’apertura al 28 Settembre e, considerato l’imminente ballottaggio che richiamerà gli Angresi a votare, comunico, in accordo con i dirigenti scolastici, che la ripresa è prevista per Venerdì 9 Ottobre, garantendo tutti i 201 giorni di attività scolastica.

Per essere più precisi, la consegna delle scuole per ripartire in sicurezza avverrà il 7 Ottobre, e, offrendo il tempo necessario ai dirigenti e gli operatori scolastici di riorganizzare gli edifici, le attività riprenderanno il 9 Ottobre”.

“Ne approfitto per chiarire una questione che mi state sottoponendo in tanti: al momento non sono impegnato appieno in questa campagna elettorale perché, da Sindaco ancora in carica, mi preme innanzitutto tutelare la salute dei miei concittadini – conclude Ferraioli – Io ci sono comunque, come tutta la mia Amministrazione, ancora impegnati nelle tante giunte convocate per prendere decisioni delicate che riguardano la salute di tutti. Le polemiche avverse stanno a zero e le speculazioni sono fuori luogo! Chiediamo, piuttosto, collaborazione su un tema così delicato, e per il quale la mia Amministrazione si è mossa anzitempo, prendendo fondi per un totale di 270.000 euro da destinare totalmente alla ripresa scolastica. Ringrazio i Dirigenti Scolastici e tutte le Famiglie dei nostri studenti che stanno portando pazienza. Noi siamo dalla vostra parte e lo saremo sempre”.