Inseguimento e arresti per spaccio

Gli agenti della Polizia di Stato hanno arrestato due uomini responsabili di detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti, resistenza, violenza a P.U. e danneggiamento.

In particolare, gli Agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, nel corso dei predisposti servizi tesi a prevenire e contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, nella scorsa notte, alle ore 3.00 circa, hanno notato dei giovani a bordo di un’autovettura PEUGEOT 108 con targa estera che si aggirava con fare sospetto nel quartiere Torrione in Via Posidonia.

Gli Agenti hanno quindi controllato l’autovettura il cui conducente, in un primo momento, dava l’impressione di volersi fermare, successivamente ha accelerato l’andatura cercando di far perdere le proprie tracce. È scattatao così un inseguimento per le vie cittadine, con l’autista della Peugeot che pur di sfuggire al controllo ha eseguito spericolate manovre imboccando a forte velocità strade strette e percorrendo direzioni vietate avrebbero cercato di speronare l’auto della Polizia.

Al termine di un lungo inseguimento che si è snodato tra via Trento, via Posidonia, via Del Pezzo e percorrendo poi via Mantenga e il lungomare Marconi, gli operatori della Volante hanno bloccato l’auto in via Ruggi, dove il conducente in un ultimo tentativo di eludere il controllo si è schiantato contro un’auto in sosta.

Scesi dall’auto i due occupanti hanno cercato di allontanarsi a piedi per le stradine circostanti ma dopo una colluttazione sono stati bloccati dagli Agenti e, dichiarati in stato di arresto, sono stati condotti presso gli uffici della Questura per gli adempimenti di rito.

Nel corso della perquisizione eseguita, i due uomini sono stati trovati in possesso di un’ingente somma di denaro, circa 4000 euro in banconote di piccolo taglio, nonché involucri di cellophane contenenti residui di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, eroina ed hashish di cui i due durante la fuga cercavano di disfarsi.

All’esito dell’attività i due uomini, A.M. di 33 anni e C.P. di 27 anni, entrambi salernitani e pluripregiudicati, sono stati dichiarati in arresto per i reati di detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a P.U..

Dell’arresto veniva data notizia al P.M. di turno che ha disposto il trasferimento di A.M presso la Casa Circondariale di Fuorni Salerno e di C.P. al regime degli arresti domiciliari a disposizione dell’A.G.