Nocera Inferiore. Allagamenti. Torquato: “situazione insostenibile”

Manlio Torquato in merito alle criticità verificatesi sul territorio in seguito agli eventi meteorologici avversi delle ultime ore

Allagamenti
Allagamenti

Dichiarazioni del sindaco Manlio Torquato in merito alle criticità verificatesi sul territorio in seguito agli eventi meteorologici avversi delle ultime ore.

“Le straordinarie precipitazioni di queste ore, concretizzatesi in una vera e propria “bomba d’acqua”, stanno flagellando il nostro territorio comunale e l’ intero Agro. Abbiamo perciò ritenuto, nel mentre coordiniamo le operazioni di Protezione Civile, di disporre con immediatezza la sospensione delle attività didattiche nel mentre la Protezione civile, l’ufficio tecnico e la Polizia Locale provvedono con la massima urgenza alle attività di verifica e controllo su quanto si sta verificando per far fronte alla emergenza nel modo migliore possibile. Teniamo però a chiarire da subito che non trattasi affatto di mancata pulizia delle griglie o delle caditoie (se non a causa dei sopravvenuti detriti per le forti precipitazioni) perché l’ attività è stata svolta”.

Il sistema fognario cittadino.

“Resta invece il fatto che a causa delle straordinarie precipitazioni di questi anni, il sistema fognario cittadino e gli alvei e i loro letti continuano a evidenziare mancanze di lavori di adeguamento e d’interventi di rifacimento più volte richiesti agli Enti interessati”.

“La situazione non possiamo più sostenerla perché rischiamo grosso e per di più le amministrazioni comunali diventano senza ragione, ma impotenti, destinatarie delle critiche sacrosante dei cittadini. Nella giornata di domani attiveremo ancora una volta ogni iniziativa utile, oltre tutte quelle messe fino ad ora in campo in questi ultimi anni (è il Comune a essersi fatto carico della elevazione del ponte di via Cuomo), perché l’ Ente Idrico, la Gori, l’ Autorità di bacino col supporto del Genio Civile e del Consorzio limitatamente agli interventi di urgenza, provvedano SUBITO. Il nostro territorio è eccessivamente fragile e non può continuare ad andare avanti così”.