Scafati. Tutti in classe da domani

Alla responsabilità delle famiglie e delle istituzioni scolastiche, nonché alla maturità degli studenti, è affidato il corretto andamento del nuovo anno

SCAFATI. Era da poco trascorso il Carnevale quando gli studenti di ogni ordine e grado hanno dovuto lasciare le proprie classi, i propri insegnanti e, soprattutto, i propri amici e/o semplici compagni di classe. Una lunga assenza, un lungo distacco che sembra finalmente concludersi, ma non senza disagi e preoccupazioni. Un lungo periodo di vuoto educativo, di crescita culturale e formativa, solo parzialmente, e non sempre proficuamente, colmata con la didattica a distanza. Il Covid19 ha lasciato il segno. Nel bene e nel male ha fatto maturare in molti la consapevolezza che occorra sempre essere pronti a trovare nuovi equilibri. Ma il Covid19 non è scomparso. Si proverà a conviverci. E’ sempre tra noi e lo confermano i dati dei contagi su scala nazionale e, principalmente, nella nostra regione. Motivo per cui occorrerà adottare tutte le misure per arginare la curva crescente del contagio, con comportamenti responsabili da parte delle istituzioni scolastiche, a cui sono affidati gli studenti, e soprattutto da parte degli studenti stessi e delle loro famiglie. Ecco che ai ragazzi, infatti, è stato chiesto di consegnare a scuola un patto di corresponsabilità sottoscritto dai genitori e dai dirigenti scolastici. Un impegno a svolgere al meglio ognuno il proprio ruolo nel rispetto della salute di tutti quanti partecipino alla vita scolastica e di tutti quanti ruotino intorno ad alunni, insegnanti e dipendenti delle istituzioni scolastiche, con particolare attenzione ai nonni, autentici giubbotti di salvataggio nelle gestioni familiari. La scuola da una parte e la famiglia dall’altra, dunque. I due principali sistemi educativi, capaci di rimescolare e rimettere in movimento migliaia di persone come non mai dallo scorso marzo, saranno chiamati ad essere responsabili e leali per far sì che il nuovo anno scolastico possa iniziare bene e proseguire al meglio, senza interruzioni e senza lasciare nessuno attardato. Ne va della salute di un’intera comunità e della crescita educativa e culturale di tutti gli studenti di ogni ordine e grado. Buon anno scolastico a tutti.