VIDEO – Angri. Incendio ex Scalo Merci: le speranze di rilancio bruciate

Dopo il rogo di rifiuti, nessuna opera di bonifica è stata effettuata. Non si parla nemmeno più di area mercatale, annunciata dal Sindaco Ferraioli

Angri. Incendio ex Scalo Merci: le speranze di rilancio bruciate.

Non c’è pace per gli abitanti di corso Vittorio Emanuele e della zona ex scalo merci a ridosso della Stazione Ferroviaria di Angri. Dopo il rogo di rifiuti, di plastica e di materiale di risulta, che ha messo in allarme i residenti, nessuna opera di bonifica è stata effettuata dal Comune.

Annoso degrado.

Gerardo Fontanella, abitante della zona, da anni segnala le situazioni che si susseguono e che continuamente è costretto a vivere. Il rogo è la punta di un iceberg ma prima ci sono: insetti, odori nauseabondi, immondizia lasciata a marcire; insomma una discarica a cielo aperto. Un area abbandonata a se stessa finanche pericolosa poiché non controllata.

La falsa promessa: l’area mercatale.

Non si parla nemmeno più di area mercatale, dopo che più volte il Sindaco Ferraioli e la sua amministrazione aveva annunciato l’imminente partenza dei lavori e che avrebbero di fatto segnato lo spostamento delle attività del commercio ambulante e quindi del mercato settimanale, dal rione Alfano, appunto alla zona ex scalo merci. Insomma una gestione della faccenda difficile da interpretare che sta creando non pochi problemi agli abitanti della zona.
Aldo Severino