Covid. Scafati Arancione: “Destinare indennità e gettoni di presenza per un anno a chi è in crisi”

Devoluzione dei gettoni. Il gruppo di "Scafati Arancione" chiede alla classe politica locale di fare la propria parte in termini concreti sull'emergenza sanitaria

Coronavirus Scafati
Coronavirus Scafati

Covid. Scafati Arancione: “Destinare indennità e gettoni di presenza per un anno a chi è in crisi”.

“Un anno di stipendio da destinare all’emergenza Covid. Chiediamo a sindaco, assessori e consiglieri comunali un gesto che l’intera comunità di Scafati potrà apprezzare”. Così il gruppo di “Scafati Arancione” chiede alla classe politica locale di fare la propria parte in termini concreti sull’emergenza sanitaria. “Da qui a un anno tanti scafatesi avranno il problema di arrivare a fine mese. Non ci sono tante manovre da fare con i conti comunali perennemente in rosso. L’unica opzione è rinunciare alla propria indennità. I nostri amministratori dicono di volere il bene di Scafati. Così, per un anno, potrebbero dimostrarlo. In attesa del vaccino, sarebbe un bellissimo gesto”.

Una scelta ponderata.

Per “Scafati Arancione” non si tratterebbe di una scelta populista, ma anzi di un grande passo in avanti. “In assise ci sono molti dipendenti pubblici e professionisti con redditi importanti. Rinunciare all’indennità o al gettone di presenza non toglierebbe nulla a loro. Al contrario, sarebbe un grande segnali a chi con il Covid ha perso la serenità economica oltre a quella della salute”.