Pompei. Cinque le donne elette in maggioranza, è un traguardo storico.

I ricalcoli della commissione elettorale centrale hanno attribuito un seggio in consiglio comunale a Pina Piedipalumbo, una new entry per quanto riguarda l’assise amministrativo della città di Pompei ma allo stesso tempo si tratta di una signora della politica già nota nell’ambiente per aver ottenuto buoni riscontri elettorali nelle precedenti tornate amministrative, rimanendo fuori dall’assise comunale per pochi voti. Questa volta la dinamica docente dell’istituto comprensivo Maiuri di Pompei ce l’ha fatta nei tempi di recupero, riuscendo a superare nei controlli dei calcoli dei verbali di seggio, effettuati dalla commissione elettorale centrale, il collega Aniello Di Maio, candidato come lei per la lista civica “Uniti per Pompei” collegata all’elezione a sindaco di Carmine Lo Sapio che se diventerà ufficiale la squadra dei consiglieri comunali della sua maggioranza potrà vantare il 50 e 50 tra consiglieri comunali maschi e quota rosa perché diventeranno cinque (su dieci componenti di maggioranza) le signore elette in consiglio comunale. Vale a dire, oltre a Pina Piedipalumbo, Sabrina D’Amora, Luisa De Angelis, Raffaella Di Martino e Andreina Esposito. Se non cambierà ancora anche il quadro complessivo dell’assise amministrativo dovrebbe registrare nelle prossime sedute una quota rosa di cinque componenti in tutto perché i sei consiglieri comunali di minoranza sono tutti maschi. Tra l’altro, secondo voci insistenti che circolano negli ambienti della maggioranza amministrativa, potrebbe essere eletta la prima presidentessa in consiglio comunale della storia di Pompei a gestire la democrazia e la pari opportunità nell’aula consiliare nell’era Lo Sapio sindaco.

Mario Cardone