Questa sera i napoletani nuovamente in piazza contro l’ultimo dpcm.

Non si fermano le proteste dei cittadini partenopei, e dopo la manifestazione di venerdì contro il lockdown annunciato dal governatore De Luca, sfociata poi in atti vandalici e di violenza

E le proteste si spostano anche a Nocera Inferiore.

Non si fermano le proteste dei cittadini partenopei, e dopo la manifestazione di venerdì contro il lockdown annunciato dal governatore De Luca, sfociata poi in atti vandalici e di violenza nei confronti delle forze dell’ordine a causa anche dell’innesto di frange di criminalità, ora ci sono centinaia di persone di nuovo pronte ad alzare la voce dandosi appuntamento in piazza Vanvitelli al Vomero.

Le chiusure anticipate delle attività, la paura di perdere il lavoro, getta nello sconforto e nel panico generale commercianti e imprenditori, oltre che tutta la collettività, che non sanno più come arrivare alla fine del mese, generando una polveriera sociale che si sposta da un capo all’altro della regione. Poche ore fa infatti anche a Nocera Inferiore i titolari di alcuni bar del Corso, hanno invaso la carreggiata con tavolini e persone mandando il traffico il tilt.
La situazione è incandescente.

Aldo Severino.