Nunzio Carpentieri: Sostegno alla popolazione. Ripristinare i buoni spesa

C’è la necessità di ripristinare misure di sostengo a favore delle famiglie deboli e quelle in quarantena per COVID. A farsi promotore della necessità di riattivare gli aiuti anche il consigliere regionale Carpentieri

Nunzio Carpentieri
Nunzio Carpentieri

Nunzio Carpentieri: Sostegno alla popolazione. Ripristinare i buoni spesa.

C’è la necessità di ripristinare misure di sostengo a favore delle famiglie deboli e quelle in quarantena per COVID. Le istituzioni si mobilitano. A farsi promotore della necessità di riattivare gli aiuti anche il neo consigliere regionale di Fratelli D’Italia Nunzio Carpentieri che già nelle prossime ore insieme a Stefano Caldoro chiederà un incontro immediato al Presidente De Luca per sottoporre la delicata questione. “Durante il lockdown della scorsa primavera ero Sindaco e so perfettamente cosa abbia significato per i miei concittadini: angoscia, sofferenza, disperazione e paura. La Campania si trova di nuovo a fare i conti con tutto questo e, sebbene in una forma un po’ più morbida, ci toccherà rivivere quell’esperienza” dice Carpentieri.

Nessuno resti solo.

“Ma non bisogna lasciare solo nessuno. È necessario – aggiunge – che il Governo e la Regione attivino subito tutte le forme di sostegno e di assistenza alla popolazione, in particolare a quella più fragile e più colpita dalla chiusura totale. A cominciare dai buoni spesa, che durante il primo lockdown ci hanno consentito di garantire il minimo indispensabile a tante famiglie”.

Basta con le contrapposizioni.

“I nostri concittadini, per quanto responsabili, sono stanchi di questa situazione. Così come sono stanchi delle continue polemiche tra De Luca e il Governo, che hanno francamente del ridicolo. Le Istituzioni pensino a smetterla di litigare e piuttosto si impegnino per alleggerire concretamente il peso di questo momento drammatico, mettendo in campo tutti gli strumenti necessari. Se non sarà così, non oso immaginare a cosa possiamo andare incontro” conclude Carpentieri.