Covid nel carcere di Salerno, contagi e nuovi protocolli attivati

Nonostante tutte le misure di sicurezza siano state prontamente messe in campo, non si è però riusciti ad evitare il contagio di diciassette agenti di polizia penitenziaria.

covid campania

Covid in carcere, a Salerno ci sono 17 agenti della polizia penitenziaria contagiati, un detenuto infetto e 35 in isolamento.

E’ risultata positiva anche la direttrice Rita Romano.

Sono questi i dati ufficiali dell’emergenza epidemiologica dietro le sbarre del carcere di Fuorni  – come raccontato da Il Mattino – dove sono stati effettuati circa 900 tamponi tra detenuti e personale.

I primi casi nella struttura detentiva di via del Tonnazzo sono stati rilevati circa quindi giorni fa.

Immediatamente sono scattate le procedure riuscendo così a contenere la diffusione del virus.

 

Nonostante tutte le misure di sicurezza siano state prontamente messe in campo, non si è però riusciti ad evitare il contagio di diciassette agenti di polizia penitenziaria. Un’emergenza nell’emergenza, visto già l’esiguo numero di personale che, ora, si riduce ulteriormente con tutte le drammatiche conseguenze che ciò comporta nella gestione delle criticità proprie dell’istituto.

 

Con quasi 500 detenuti e solo 187 agenti operanti all’interno del penitenziario dove nelle ore pomeridiane e notturne non sono in servizio più di dieci agenti, il carcere di Fuorni vive grosse difficoltà.