Angri. Bilancio previsione congelato: stop dalla Corte dei Conti

Angri. La sezione regionale della Corte dei Conti ha inoltrato una specifica richiesta finalizzata ad avere maggiori chiarimenti sullo stato patrimoniale delle finanze dell’ente

Angri comune
Angri comune

Angri. Bilancio previsione congelato: stop dalla Corte dei Conti.

Il Comune di Angri per il secondo anno consecutivo finisce sotto la lente della magistratura contabile. Attraverso la sezione regionale della Corte dei Conti ha inoltrato una specifica richiesta finalizzata ad avere maggiori chiarimenti sullo stato patrimoniale delle finanze dell’ente di Piazza Crocifisso. Istanze di precisazione, come riporta il quotidiano “La Città”, che hanno motivato il segretario generale Pasquale Marrazzo ad avviare una precisa esplorazione che ha coinvolto tutti i dirigenti e i funzionari dell’ente, riuniti a fornire utili cifre relative alle attività condotte negli ultimi anni.

Lavoro complesso.

Un lavoro abbastanza complesso che sta impegnando da diverse settimane i dirigenti e le poche forze lavoro che figurano nella pianta organica. All’attenzione della magistratura contabile sarebbero finite le scarne entrate fatte registrare dall’ente in materia alla voce “recupero tributi locali” e legati all’esiguo incasso della tassa sui rifiuti. Secondo quanto riportato dal quotidiano salernitano sembra che dai report inoltrati in passato sia stata evidenziata una specifica carenza proprio legata alle ridotte somme ascrivibili alle entrate comunali.

Bilancio di previsione ancora “congelato”.

Intanto, è ancora “congelato” in stato di approvazione il bilancio di previsione, nonostante siano stati ultimati tutti i procedimenti relativi agli aspetti post elettorali, con la proclamazione degli eletti e la formazione dell’esecutivo. Ferraioli, dopo la conferma del suo secondo mandato legislativo, aveva annunciato che per superare questa fase di stallo, come primo atto c’era la necessità di ricevere il placet da parte del nuovo esecutivo dell’approvazione dello strumento finanziario. Un obiettivo che, al momento, resta ancora sospeso in attesa di ulteriori chiarimenti da parte del dirigente responsabile dell’unità operativa complessa che si occupa gestione delle finanze dell’ente di Piazza Crocifisso.