Angri. COVID, saturimetri in comodato d’uso. La proposta di Fusco

Angri. Fusco è pronta a promuovere l’iniziativa per la distribuzione gratuita di saturimetri e raccolta fondi e per l’acquisto di un ecografo portatile da destinare alla locale USCA

Saturimetri
Saturimetri

Angri. COVID, saturimetri in comodato d’uso. La proposta di Fusco.

Saturimetri in comodato d’uso. “Con l’accertata negatività anche di mia madre, si torna alla “normalità”. E non credevo potesse mancare così tanto. Per prima cosa protocollerò la proposta di avviare ufficialmente la catena solidale di saturimetri e delle altre cose che si potrebbero realizzare. Ringrazio di cuore quanti, dopo il mio post di qualche giorno fa, mi hanno contattato per offrire la loro disponibilità. Il senso di comunità è avvertito come una risorsa ancora più straordinaria e preziosa quando si vive un forzoso isolamento” così Gina Fusco, già consigliere Comunale e presidente dell’associazione “La Minerva”, dopo avere vissuto per settimane l’incubo COVID. Fusco è pronta a promuovere l’iniziativa per la distribuzione gratuita di saturimetri e raccolta fondi e per l’acquisto di un ecografo portatile da destinare alla locale USCA. In queste ore Fusco come presidente dell’associazione “La Minerva” ha scritto una lettera al sindaco Cosimo Ferraioli evidenziando la necessità di dotare questi strumenti “utili alle famiglie per la gestione domiciliare dei casi positivi. È unanimemente riconosciuto, infatti, quanto sia fondamentale monitorare tempestivamente l’andamento dell’infezione per scongiurarne gli esiti più gravi.Da questo punto di vista si rivela utile la misurazione dell’ossigeno nel sangue attraverso il saturimetro, un piccolo apparecchio di cui, però, non tutti possono dotarsi autonomamente” si legge nella lettera indirizzata al primo cittadino.

In comodato d’uso ai pazienti.

“Il saturimetro verrebbe dato in comodato d’uso fino alla negativizzazione del paziente, in modo da poter essere rimesso a disposizione di altri. Ci sono diverse esperienze virtuose di riferimento anche in comuni della nostra Provincia, cito, a titolo esemplificativo, la Pro Loco di Siano e il Comune di Pellezzano. Qualora l’Amministrazione ritenesse di non voler assicurare le risorse finanziarie necessarie all’acquisto di un congruo numero di saturimetri, l’Associazione La Minerva si propone di collaborare a una raccolta solidale di saturimetri nuovi e/o usati da poter mettere a disposizione” si legge nella lettera.

L’ecografo portatile per l’USCA.

“In secondo luogo proponiamo di acquistare un ecografo a domicilio da donare alla nostra USCA, sull’esempio di quanto fatto dal Comune di Sarno. Si tratterebbe di uno strumento utilissimo per qualificare l’assistenza domiciliare evitando l’ospedalizzazione dei pazienti meno gravi, con risvolti positivi sia sul piano sociale che sul piano individuale. Anche qui, qualora la Sua Amministrazione ritenesse di non voler far fronte all’acquisto, confermiamo la disponibilità a partecipare al reperimento dei fondi necessari” conclude la lettera. L’amministrazione comunale avrebbe già organizzato la diffusione di decine di unità di saturimetri con l’impegno dei consiglieri comunali Giuseppe Del Sorbo e Carmen Fattoruso. Un’azione che potrebbe trovare convergenza con la proposta di Fusco.

Aldo Severino