Nocera Inferiore. Gori da l’avvio ai lavori per la rete fognaria

Imminente avvio dei lavori alla rete fognaria cittadina. Gori, gestore della rete idrica di ambito ha convocato la ditta appaltatrice per procedere ai lavori

Gori lavori rete fognaria
Gori lavori rete fognaria

Nocera Inferiore. Gori da l’avvio ai lavori per la rete fognaria.

Imminente avvio dei lavori alla rete fognaria cittadina. Gori, gestore della rete idrica di ambito ha convocato la ditta appaltatrice per procedere ai lavori per la realizzazione del primo lotto della rete fognaria in città e dotare la città dei sotto servizi da tempo attesi. Rimossi gli ultimi ostacoli, gli impedimenti legati soprattutto al bilancio regionale, problemi con polizza fideiussoria e altri cavilli burocratici, ora il nulla osta per la realizzazione della rete.

La soddisfazione di Giovanni Paolo Marati.

“Siamo felici di poter finalmente considerare superati tutti gli ostacoli alla realizzazione di questa opera fondamentale per il territorio. Dopo la recente delibera della Regione Campania che ha reso disponibili i fondi, in tempi record, abbiamo ottenuto e trasferito la polizza fideiussoria alla Regione, che tempestivamente ha emesso il Decreto definitivo. Abbiamo già provveduto a convocare l’impresa appaltatrice per la stipula del contratto e l’avvio dei lavori” dichiara l’Amministratore Delegato di GORI, Giovanni Paolo Marati.

Il progetto dei lavori.

Il finanziamento del primo lotto di circa 3 milioni di euro fu bandito e presentato nel novembre del 2019, con l’avvio della gara per l’inizio del 2020. I lavori prevedono l’eliminazione di 9 scarichi fognari che riversano i reflui nei torrenti Cavaiola e Solofrana con successivi benefici anche per le acque del fiume Sarno.

L’approvazione anche dei lotti 2 e 3 per un importo complessivo di 11 milioni e 750 mila euro prevedono il completamento delle fogne nei quartieri periferici da Cicalesi a Fosso Imperatore e fino al confine con Castel San Giorgio. L’opera, come riporta “La Città”, inizialmente doveva essere realizzata dal Commissario per l’emergenza del Sarno. In una fase successiva le competenze furono trasferite a Gori per la progettazione dei lavori e per la l’individuazione della ditta esecutrice dei lavori.