Scafati. Bonus fitti arriva il saldo ma con una cifra ridotta

Scafati. Meglio di meno ma accontentando tutti. E’ questa la decisione adottata dal Comune riguardo il saldo dei bonus fitti

Bonus Fitti
Bonus Fitti

Scafati. Bonus fitti arriva il saldo ma con una cifra ridotta.

Meglio di meno ma accontentando tutti. E’ questa la decisione adottata dal Comune di Scafati riguardo il saldo dei bonus fitti. Dopo l’approvazione della variazione di bilancio del Consiglio Comunale, gli aventi diritto del bonus erogato dal Governo a sostegno dei disagi dovuti all’emergenza Covid-19, si sono visti bonificare un importo minore rispetto a quanto in precedenza spettante. “Ritengo sia stato adottato un criterio di solidarietà sociale e di ripartizione dei fondi il più giusto e equo possibile” spiega Raffaele Sicignano, assessore alle Politiche Sociali.

Una somma inferiore.

“La somma assegnata al comune di Scafati è stata però di gran lunga inferiore rispetto al fabbisogno complessivo atteso di circa 2 milioni di euro. Più precisamente per la fascia A la somma assegnata è di appena 765mila euro, mentre per la fascia B di circa 117mila euro per un totale complessivo disponibile di appena 880mila euro. L’amministrazione comunale, su invito anche della Regione, ha deciso di soddisfare la più ampia platea di beneficiari, erogando non il 100% del contributo massimo spettante, ma circa l’80%”. In questo modo, secondo i conteggi di Palazzo Mayer, è stato possibile liberare altre risorse per tutti gli aventi diritto, circa 1200 persone ripartite tra fascia A e fascia B.

Il conteggio per il contributo.

“Nel conteggio del contributo fitti è stato considerato anche il reddito di cittadinanza percepito nel 2019 che ovviamente è stato decurtato della quota parte dalla somma spettante. Così come è stato decurtato il contributo COVID per chi ha fatto entrambe le domande – aggiunge l’assessore – Ringrazio tutti i dipendenti comunali, la dirigente Anna Sorrentino, l’ufficio ragioneria per l’ottimo lavoro svolto e i cittadini per la pazienza dimostrata. Spiace che qualche CAF abbia soffiato sulla strumentalizzazione politica, in un periodo difficile per tutti”. Dalla settimana prossima al via anche i buoni spesa, come anticipa lo stesso Sicignano.

Avviso simile a quello di Marzo.

“Siamo pronti con l’avviso che ricalcherà grosso modo quello di marzo. Con il decreto ristori ter la somma che viene assegnata al comune di Scafati è di 429mila euro che contiamo di erogare entro Natale. Stiamo preparando la determina per i negozianti che dovranno aderire al circuito dei punti vendita presenti sul territorio e naturalmente al modulo di domanda per accedere al beneficio del bonus. I requisiti principali saranno sempre il reddito percepito e il quoziente familiare”.

I progetti PUC.

Questa settimana sono anche partiti i Puc, i progetti che prevedono l’utilizzo dei percettori del reddito di cittadinanza. Sono 11 e operativi presso gli uffici comunali come servizio di guardiania. “Siamo pronti anche con il secondo progetto “manutenzione e pulizia“. Abbiamo raccolto già le adesioni e attivate le polizze per la copertura assicurativa. Si tratta di altre 10 persone” svela ancora l’assessore alle Politiche Sociali. “Ci sono esigenze un po’ dappertutto, in particolare in villa comunale , nelle aree verdi e sportive ma anche al palazzo comunale e in altri luoghi pubblici dove non si riesce a garantire un efficiente servizio di custodia e manutenzione”.
Adriano Falanga