Pompei. Riqualificazione stradale del tratto orientale della città

L’assessore ai Lavori Pubblici di Pompei, Raffaella Di Martino, ha giustamente menzionato il contributo dell’attuale presidente del consiglio, Giuseppe La Marca (all’epoca consigliere comunale) nella presenza che ebbe nella sottoscrizione del finanziamento per lavori stradali nel tratto orientale di Pompei. Insieme a lei, e soprattutto al sindaco dell’Amministrazione in carica, Pietro Amitrano, da cui l’amministrazione attuale ha ereditato la “dote” di 3milioni 832mila euro dei fondi FSC 2014 -20120 che all’epoca furono assegnati dal governatore della Campania Vincenzo de Luca sulla base del rapporto collaborativo che all’epoca aveva stretto col sindaco Pietro Amitrano. Via Lepanto, via Crapolla I e via Crapolla II, riguardanti una vasta area del tratto orientale della città di Pompei a partire dall’uscita autostradale e il confine con Scafati fino a piazza Bartolo Longo, risulteranno a “regola d’arte” dopo i controlli concomitanti dell’UTC e il collaudo definitivo. Lavori che risulteranno sicuramente essenziali alla circolazione stradale in un tratto strategico della città di Pompei perché servono al suo collegamento con i centri vesuviani. L’opera risulta necessaria a causa delle condizioni attuale del manto stradale delle predette strade che causano notevoli disagi alla circolazione e seri problemi di allagamento nelle stagioni delle piogge, in particolare nei giorni delle Ora sarà merito esclusivo dell’amministrazione attuale, retta dal sindaco Carmine Lo Sapio, se i lavori di manutenzione recentemente appaltati per via Lepanto, via Crapolla durante le ricorrenze religiose quando si registra un incremento del flusso dei pellegrini e degli autobus turistici verso piazza Bartolo Longo. Oltre al rifacimento del manto stradale verranno riqualificati i marciapiedi, le aree di sosta, la segnaletica orizzontale e verticale e verranno eliminate le barriere architettoniche esistenti
Mario Cardone