Scafati. Chiarimenti CdA ACSE, ecco il contenuto della nota ANAC

Scafati. La nota dell’ANAC citata come origine delle modifiche allo statuto dell’ACSE, non è mai stata allegata al fascicolo per i consiglieri comunali

Scafati Lettera Anac
Scafati Lettera Anac
Revolution Slider ERRORE: Slider with alias slider-straordinaria not found.
Maybe you mean: 'sidebarhome' or 'bannerhome01' or 'homeunder' or 'banner-home-fondo' or 'slider-2-box' or 'Fondazione-Doria'

Scafati. Chiarimenti CdA ACSE, ecco il contenuto della nota ANAC.

In consiglio comunale l’amministrazione Salvati ha giustificato la reintroduzione del Consiglio di amministrazione della partecipata ACSE rimandando a una nota dell’ANAC. Una modifica, stando al deliberato, che sarebbe stata in realtà l’accoglimento di una nota ANAC di luglio, che, secondo l’amministrazione comunale, invitava il socio unico alla previsione di un CdA, per garantire alle Istituzioni un maggiore controllo sulla partecipata.

Il giallo della nota.

La nota dell’ANAC citata come origine delle modifiche allo statuto dell’ACSE approvata dalla maggioranza, non è mai stata allegata al fascicolo per i consiglieri comunali. Del resto, da una approfondita lettura della lettera, non si parla mai, come è ovvio nel rispetto delle norme vigenti, della necessità di reintrodurre il CdA. Resta il dubbio che nessuno dell’amministrazione si sia effettivamente preoccupato di far notare all’ANAC che la condizione richiesta dell’80% del fatturato con il Comune socio, era già contenuta nell’articolo 36.

Volontà politica.

In effetti la motivazione per la reintroduzione del CdA sarebbe da leggere solo come una precisa volontà dell’amministrazione per dotarsi di ulteriori strumenti per una più “equilibrata gestione politica”.

Agro24Spot